La dieta dimagrante dell’uva è adatta a chi vuole perdere qualche chilo ma soprattutto depurarsi e fare il pieno di sostanze antiossidanti che mantengono giovane l’organismo. L’uva infatti ricca di acqua e potassio aiuta a combattere la ritenzione idrica, con un effetto sgonfiamento a livello di gambe e pancia.

La dieta dimagrante dell’uva si basa su un apporto calorico giornaliero di 1400 calorie e i suoi punti di forza sono: grande quantità di antiossidanti che combattono gli effetti nocivi dello stress, i radicali liberi, rallentando il processo di invecchiamento cellulare grazie agli antociani e polifenoli che si trovano in abbondanza nel vino.

In secondo luogo l’acqua: l’uva è composta per l’80% di acqua e svolge una funzione di pulizia dei reni attraverso la diuresi, con un effetto anticellulite. Terzo elemento: il potassio che aiuta a tenere sotto controllo i livelli di sodio e quindi dona gambe più leggere e snelle. Utile anche a chi soffre di intestino pigro in quanto la buccia di uva ha un leggero potere lassativo.

Vediamo quindi come fare la dieta dell’uva con un menu settimanale tipo. Ogni giorno sono concessi due bicchieri di vino rosso (uno a pasto), 4 cucchiaini di olio extravergine d’oliva e due cucchiaini di zucchero. A colazione due fette biscottate con la marmellata di uva oppure cereali con latte parzialmente scremato, succo d’uva e caffè d’orzo.

Per lo spuntino di metà mattina una fetta di schiacciatina dolce. Pranzo: alternare tra un primo piatto di 50 grammi di pasta condita con zucchine o con ricotta, oppure spaghetti alle vongole o 50 grammi di orecchiette alle cime di rapa con uva nera oppure couscous di verdure o ancora una frittata di uova con zucchine e pomodori o un’insalata mista con pere, fiocchi di latte e spinaci bolliti. Abbinare sempre dell’uva o in forma di macedonia o aggiunta all’insalata o con del prosciutto cotto o con del grana.

Per lo spuntino pomeridiano un grappolino di uva rossa o bianca. A cena si può alternare tra minestrone di verdure miste con uva nera, crema di spinaci, 50 grammi di risotto allo zafferano con funghi porcini, crema di porri e patate, passato di verdure, tortino salato con zucchine, menta e uva o una crema di pomodoro con i crostini.

Per secondo nasello al vapore con le patate e un panino integrale oppure sogliola al vino bianco con insalata verde e una pera oppure coniglio all’uva con insalata di lattuga e radicchio e un kiwi oppure filetto di maiale al forno con uva rossa, un panino integrale e una pera o trancio di pesce spada ai ferri con insalata mista e uva, o ancora branzino al vapore con insalata verde mista o infine hamburger ai ferri con insalata verde mista e pera al vino rosso.

Fonte: starbene.