Una dieta dimagrante basata sull’assunzione di proteine di origine animale (carne bianca e rossa, pesce e soprattutto formaggi), quindi iperproteica, è molto seguita da personaggi dello spettacolo per diminuire la sensazione di fame e modellare il fisico nei punti giusti garantendo un moderato apporto calorico. Come affermano gli esperti:

«Questo regime dietetico è efficace innanzitutto perché, eliminando qualsiasi fonte di carboidrati, risulta essere piuttosto ipocalorico e, quindi, fornisce all’organismo un apporto calorico inferiore al suo fabbisogno giornaliero favorendo, quindi, il calo ponderale di peso. Inoltre, per utilizzare le proteine fornite con la dieta dimagrante il nostro organismo brucia più energia rispetto al caso di assunzione di carboidrati e grassi».

Ma c’è un campanello d’allarme da tener presente in una dieta dimagrante proteica: bisogna stare attenti a non esagerare, così da evitare carenze da parte del nostro organismo. Il Journal of Nutrition dimostra che le proteine del siero di latte (che si trova naturalmente nei latticini) potrebbero dare una marcia in più se l’obiettivo è quello di dimagrire, rispetto alle altre proteine assunte in una dieta di questo tipo. Difatti quelle del latte, in particolare, vengono digerite molto più rapidamente dall’organismo, grazie soprattutto alla loro catena di amminoacidi che risulta essere più corta.

Tali sostanze sono perciò facilmente disponibili, ed entrano in funzione sin da subito, favorendo inoltre un miglior processo di recupero post-allenamento. Da un esperimento eseguito sulle cavie che ingerivano ai pasti le medesime calorie, alcune delle quali nutrite però con molti grassi tra i quali il siero del latte e altri senza il siero, si è ipotizzato che le proteine del siero di latte possono essere utili per perdere peso, poiché la loro combinazione unica di amminoacidi (elementi costitutivi delle proteine) può bloccare il grasso dall’essere metabolizzato. Inoltre l’assunzione delle proteine del latte sotto forma di siero può prevenire l’accumulo di grasso.

La dimostrazione di questa teoria, in realtà, è data dagli esiti dell’esperimento condotto: alcune cavie, nutrite con una dieta ricca di grassi, hanno perso il 42% di peso e accumulato il 7% di massa corporea magra; le altre che invece non assumevano siero, hanno accumulato più grasso.

Com’è noto il siero di latte può essere preso dal consumo di ricotta, latte e yogurt. Ma attenzione a non seguire una dieta dimagrante a base di proteine a lungo: al massimo bisogna adottarla per un mese. Infatti l’eccesso di proteine può provocare un appesantimento dei reni ed, inoltre, tale dieta alimentare, anche se efficace, rischia di essere monotona e a volte è difficilmente applicabile alle proprie abitudini di vita.

In ultimo si rammenta che la dieta dimagrante mediterranea è tra le più efficaci, oltre a essere sana tanto da essere oramai entrata a far parte del patrimonio dell’umanità. Ricordiamo che questa introduce anche i carboidrati, che sono una fonte di energia di primo utilizzo, nonché pochi zuccheri con una preferenza per quelli che si trovano nella frutta, senza dimenticare verdure e legumi.

Huffington post.