Per iniziare una corretta dieta dimagrante bisogna ottimizzare l’orario in cui ci si siede a tavola a pranzo, cercando di farlo entro le 3 di pomeriggio. In caso contrario, si rischia di vanificare il ricorso a un’alimentazione ad hoc per perdere peso e per eliminare i chili di troppo.

A dirlo è una ricerca medica effettuata negli Stati Uniti dal Brigham and Women’s Hospital di Boston e pubblicata sull’nternational Journal of Obesity, che spiega che orario del pranzo e dieta dimagrante corretta vanno di pari passo.

=> Scopri perché talvolta non si dimagrisce con la dieta

Il team di ricercatori, guidati dal professor Frank Sheer, ha messo sotto la lente di ingrandimento per 20 settimane un gruppo di 420 persone sovrappeso verificando per ciascuno di essi l’andamento della dieta dimagrante che stavano seguendo. L’elemento chiave è stato il dividere a metà i partecipanti fra quelli che abitualmente pranzavano entro le ore 15 e quelli che lo facevano dopo perché magari costretti da motivi di lavoro.

Il risultato è stato inequivocabile: a parità di dieta, il primo gruppo aveva accumulato meno grassi e aveva perso più peso del secondo. Ma non solo: le “cavie” del primo gruppo avevano mostrato anche una predisposizione minore al diabete, indice di una risposta metabolica più positiva da parte dell’organismo agli zuccheri. Per il resto della giornata, i 420 individui sotto studio – con un’età media di poco meno di 43 anni e divisi quasi equamente a metà tra uomini e donne – avevano mantenuto comportamenti abituali.

=> Scopri quanto conta il morale nella dieta dimagrante

Nello studio è stato valutata anche l’abitudine al sonno, che però non ha inciso significativamente sulla perdita di peso: non c’era pertanto differenza tra chi era mattiniero e chi era più nottambulo.

«Si tratta del primo studio scientifico effettuato su larga scala, che ha dimostrato che per perdere peso in maniera corretta occorre pranzare in orari più o meno “normali” evitando di posticipare dopo le ore 15 il pasto» ha detto Frank Sheer.

Dalle ricerche emerge anche che il saltare la colazione può vanificare i risultati di una dieta dimagrante, tanto quanto pranzare e cenare regolarmente tardi. L’orario in cui ci si siede a tavola abitualmente, insomma, è importante nella dieta tanto quanto quello che si mangia.

Fonte: International Journal of Obesity