Trasformarsi per un giorno in un cane, stare al guinzaglio e mangiare dalla ciotola? Niente di più facile, certo se in palio ci sono 300.000 euro. Questa l’ennesima provocazione di un reality show francese, “Dilemme“, in cui una concorrente ha dovuto scontrarsi con un vero e proprio dilemma.

Il dubbio è stato: comportarsi come un cane per far vincere la propria squadra? Non ha avuto dubbi eccessivi Ophelie, la concorrente che si è fatta mettere al guinzaglio dall’amica Caroline, destando una serie di polemiche senza fine.

In fondo, i francesi non sono nuovi a queste situazioni: pensiamo a un altro reality, “Il gioco della morte“, in cui i concorrenti infliggono ad altri scariche elettriche, perché guidati dal montepremi finale. E tale è la ragione che motiva “Dilemme”, naturalmente senza dolore, almeno per ora.

Ciò che preoccupa l’opinione pubblica francese è che comportarsi come un animale e venire trattato come tale è degradante per un essere umano. Dal programma ribadiscono che Ophelie non è stata costretta, ma l’ha fatto con naturalezza e di sua spontanea volontà. Salvo poi scoppiare in lacrime e abbandonare il gioco.

Il CSA, l’autorità garante per le telecomunicazioni francesi, ha stigmatizzato l’accaduto, che tuttavia è stato molto gradito dal pubblico dati i dati dell’Auditel d’oltralpe:

Una concorrente è stata considerata come un animale, un trattamento avvilente e degradante.