Sipario sulla prima giornata di Milano Moda Donna con Fausto Puglisi primavera estate 2018 prima e Francesco Scognamiglio poi: un finale, quello che ha sfilato presso i locali di via Alemagna, davvero a sorpresa. Già, perché se le collezioni di Gucci e di Alberta Ferretti sono state nel solco di una tradizione da loro tracciata già da tempo, quella di Puglisi, ex enfant prodige della moda italiana, stilista da Ungaro e amato da star come Madonna, Beyoncé e Jennifer Lopez, è all’insegna di una rotta tutta nuova.

Un piccolo scossone, quindi, alla settimana della moda milanese, questo ritorno all’essenziale invocato dal designer: fatto di bianco e nero, di lino e tulle, di lingerie dall’ispirazione inizio Novecento. Addio, dunque, ai colori sgargianti, al rock e al punk, agli spacchi inguinali e alle scollature profondissime, a tutti quegli stilemi che facevano di lui il nuovo Versace.

Quello lì fuori è un mondo terribile in cui per sopravvivere servono dei riferimenti e la donna in questo momento è una figura fondamentale“, ha detto lo stilista.

Galleria di immagini: Fausto Puglisi collezione primavera estate 2018, foto

Ecco allora che è il bianco a dominare la passerella, con qualche accenno di oro e una veloce incursione nel rosa, delicatissimo, su abiti lunghi di lino con inserti in pizzo di cotone, soprabiti con lunghe frange, t-shirt con decorazioni barocche (non a caso lo stilista siciliano è cresciuto alla corte di Dolce & Gabbana), cappottini doppiati in pizzo nero, cardigan a trecce con la schiena tutta ricamata, chemisier con colli importanti, tutù da ballerine e romantiche sottovesti. Bianco persino il chiodo in versione laserata a motivi floreali o rivisto in lino e pizzo.

Insomma, più che vestire Lady Ciccone, sembra che Puglisi voglia confezionare gli abiti di Turandot e affini, proseguendo – in questo fedele a se stesso – quella nuova esperienza affrontata al Festival Puccini a Torre del Lago questa estate, quando ha disegnato i costumi per l’opera di Giacomo Puccini, diretta dall’amico Alfonso Signorini.

Accantonata la voglia di seduzione raccontata in passato, Puglisi guarda ora a una nuova femminilità intima e non sguaiata, con quel tocco di romanticismo che non guasta mai. Come reagirà lo zoccolo duro delle sue fan? Non resta che aspettare la risposta, implacabile, dei mercati.