Durante la gravidanza, sin dai primi giorni successivi al concepimento, la temperatura corporea della gestante si alza in media di 0,3-0,5° gradi rispetto a quella normale a causa del cambiamento dei livelli degli ormoni essenziali per lo sviluppo del feto. Pertanto, se doveste riscontrare una temperatura di 37,5° non preoccupatevi perché non si tratta di febbre. A tal proposito, sarà la temperatura corporea registrata nelle prime settimane di gestazione a dover essere presa come riferimento per valutare eventuali aumenti di temperatura.

RISCHI PER LA MAMMA E PER IL FETO

La febbre durante la gravidanza non comporta rischi o fastidi per la futura mamma; tuttavia può compromettere il benessere e la salute del feto e la possibilità di portare a termine la gravidanza serenamente e senza problemi. Questo accade soprattutto in casi di febbre elevata (dai 38,5° gradi in poi) e quando si è entrate nel 1° o nel 3° trimestre di gravidanza. Il rischio consiste nell’interferenza con lo sviluppo del sistema nervoso del bambino nelle prime settimane di gravidanza e il processo infiammatorio portato dalla febbre è purtroppo in grado di provocare delle contrazioni uterine, aumentando il rischio di espulsione prematura.

QUALI FARMACI ASSUMERE

Al fine di prevenire le problematiche descritte nel paragrafo precedente, è opportuno assumere subito un antipiretico (Tachipirina) anche quando l’aumento della temperatura è modesto (37,8°-38°). Il farmaco più sicuro ed innocuo sia per la gestante che per il feto è il paracetamolo; anche l’acido acetilsalicilico può essere utilizzato per far scendere la febbre, ad eccezione delle prime 6 settimane e delle ultime 2 per via della sua azione anticoagulante. In aggiunta, su indicazione del medico è possibile integrare la propria alimentazione con le vitamina C e con le vitamine del gruppo B, utili come supporto per il sistema immunitario.

QUANDO RIVOLGERSI AL PROPRIO MEDICO CURANTE

La comparsa di febbre durante la gravidanza va sempre prontamente segnalata al medico poiché le cause dell’innalzamento della temperatura corporea potrebbero essere delle infezioni da trattare con antibiotici o altri farmaci prescritti soltanto dal medico stesso. Alcune di queste infezioni possono essere le cistiti, le uretriti e le pielonefriti.

(foto by InfoPhoto)