Era entrata in Gucci nel 2012 e ora la notizia ufficiale: Frida Giannini lascerà l’incarico di direttore creativo il prossimo febbraio 2015, subito dopo la presentazione della sua ultima collezione donna Autunno/Inverno. Nella nota ufficiale diffusa questa mattina con le dichiarazioni di Francoise-Henri Pinault, presidente e Ceo del gruppo Kering che controlla Gucci, la comunicazione e il ringraziamento alla stilista: “Desidero ringraziare Frida per la sua straordinaria passione, dedizione e per il suo contributo alla storia di Gucci“. Pinault ha inoltre aggiunto: “Le sono grato per i suoi risultati, per la sua creatività e per la passione che ha sempre trasmesso nel suo lavoro“.

Il direttore non è l’unico scossone ai vertici di Gucci, a lasciare la carica ci sarà anche il Ceo Patrizio Di Marco che ha fatto parte del Gruppo Kering per più di 13 anni e che è anche il compagno della stilista, con la quale ha avuto una bambina nel 2013. Di Marco lascerà l’azienda l’1 gennaio 2015 e sarà sostituito da Marco Bizzarri. Il nuovo Ceo è entrato a far parte del gruppo nel 2015 come Ceo di Stella McCartney e dallo scorso aprile è il Ceo della divisione  Luxury – Couture & Leather Goods di Kering. Non è dato sapere quelli che sono le motivazioni di questo doppio e drastico licenziamento anche se si può ipotizzare che il calo delle vendite, in particolare quello legato al mercato della borse, sia stato la causa della decisione di Pinault. Frida Giannini è stata l’unico direttore di casa Gucci ad aver superato la soglia dei dieci anni ed è stata un valore aggiunto straordinario per l’azienda che aveva aiutato a risollevarsi subito dopo l’addio di Tom Ford (al quale era succeduta dopo l’incerta e breve parentesi di Alessandra Facchinetti in casa Gucci). E già ci si chiede: chi sarà il nuovo direttore creativo di Gucci? Riccardo Tisci, secondo i rumors, sarebbe pronto a lasciare Givenchy per passare a Gucci. In alternativa si parla anche del giovane e talentuoso Joseph Altuzarra, già assistente di Tisci.

Foto: Infophoto