Entrato nella casa del Grande Fratello mantenendo un profilo basso per non destare sospetti, Gabriele Belli si è in ultimo rivelato a tutti i suoi compagni, i quali avevano già sospettato ci fosse qualche segreto dietro al magazziniere milanese.

Gabriele è andato per gradi, aspettando quasi una settimana prima di sganciare definitivamente la bomba. E non erano mancate le avvisaglie: prima ha parlato di un’infanzia difficile, poi ha rivelato di aver tentato due volte il suicidio, infine ieri sera, così come riporta DGmag, ha svelato la verità sul suo passato da donna e sugli interventi chirurgici per cambiare sesso.

Io sono nato in un corpo di donna, la mia è un’identità di uomo, intrappolato in un corpo da donna.

L’uomo ha illustrato le difficoltà da bambino: già all’età di tre anni voleva giocare con i maschi ma gli veniva proibito. L’inferno è cominciato quando il suo corpo da donna si è formato, diventando una prigione carnale. Si sentiva murato vivo.

Aggiunge, inoltre, come in casa sua eventuali figli maschi non erano neppure benvoluti:

C’era una storia nella mia famiglia secondo cui se fosse nato un maschio sarebbe stato abbandonato. Mia mamma e mia nonna volevano solo femmine.

I ragazzi, dapprima silenziosi, si sono poi sciolti e hanno rivolto a Gabriele alcune domande. L’uomo è stato disponibile a rispondere alle loro curiosità, alleggerito del peso di un segreto così ingombrante.

Il concorrente del GF ha infine aggiunto:

L’unico mio handicap è non poter diventar padre. Ma mi sono riappropriato di me. Gabriele c’è, viverlo con voi è essere Gabriele al 100%.