Sembrava calato il sipario su quest’edizione del Grande Fratello. Ma il giorno dopo la finale si parla ancora di vittoria, di sconfitta e di tutto quello che è accaduto ieri sera. In particolare, la vittoria di Andrea Cocco contro Ferdinando Giordano, il superfavorito, ha spiazzato un po’ tutti.

Angelica Livraghi, fidanzata del salernitano, ha espresso il suo parere a Mattino Cinque, spiegando che Ferdinando è stato secondo lei la vera essenza del Grande Fratello 11, e lasciando intendere che invece il pubblico è stato colpito dalle corna subite dal modello italo-giapponese.

Galleria di immagini: Angelica Livraghi

Difficile dire se Angelica si sta dimostrando semplicemente opportunista o mossa solo dall’affetto per il suo fidanzato. La seconda ipotesi appare più plausibile, soprattutto perché pare che anche gli altri finalisti riceveranno una parte di montepremi di consolazione. Una prova che Angelica non mira ai soldi, ma sta cercando solo di difendere l’amato.

Interrogativi vengono anche dal comportamento di Guendalina Tavassi, che in questi giorni ha sempre attaccato Margherita Zanatta, ma nel momento della vittoria di Andrea, il suo attuale ragazzo, è corsa ad abbracciarla. Anche in questo caso ci si chiede: è solo opportunismo?

Intanto se i fan di Ferdi rumoreggiano, quelli di Guenda esultano. Ma in fondo è così che va il GF. Se proviamo ad analizzare i vincitori degli scorsi anni, sembra normale che le persone abbiano scelto Cocco.

Con la sola eccezione di Mauro Marin, non hanno infatti mai trionfato personaggi forti, oppure persone che avevano problemi economici palesi (con una sola eccezione forse), ma hanno vinto spesso sempre personaggi con evidenti problemi di cuore, da Cristina Plevani a Floriana Secondi, da Serena Garitta a Ferdi Berisa.

Eppure, ci sono molti che invocano ancora il riconteggio dei televoti: ricordiamo che un riconteggio in Italia non è avvenuto neppure quando a chiederlo è stato l’attuale premier Silvio Berlusconi, in una tornata elettorale che gli andò male.

Ma noi italiani siamo da sempre dietrologi, in fondo. Dovremmo accettare un po’ di più che, almeno quando parliamo di un reality televisivo, si tratta sempre di un gioco, e un po’ più di spirito sportivo da parte di qualcuno non guasterebbe.