La tripla eliminazione per bestemmia del “Grande Fratello 11” sta alzando un polverone di polemiche. Se Pietro Titone e Matteo Casnici si sono difesi in esclusiva sul nostro blog, ora è nato anche un caso intorno all’eliminazione di Massimo Scattarella.

La sua uscita dalla casa è sembrata una decisione molto discutibile, visto che il “reato”, ovvero la bestemmia pronunciata, risaliva per lui addirittura alla scorsa edizione del GF. Quest’anno Massimo era entrato a detta di Alessia Marcuzzi come persona nuova, quindi punirlo per qualcosa fatto nella precedente serie del reality-show è sembrato eccessivo.

Inoltre, il ritorno di Scattarella nel programma era stato decretato dal pubblico attraverso il meccanismo del televoto, secondo cui la bestemmia dell’anno scorso era stata ormai perdonata. A questo punto si è aperta la questione proprio del rimborso ai telespettatori che avevano partecipato a quel televoto.

L’UNC (Unione Nazionale dei Consumatori) ha infatti presentato un esposto all’Agcom e all’Antitrust per verificare l’esistenza di:

Pratiche commerciali scorrette nella gestione del televoto. […] I telespettatori che hanno votato per la riammissione di Scattarella devono essere rimborsati.

Vedremo quindi nei prossimi giorni quale sarà la risposta di Mediaset ed Endemol a queste richieste.