Al mondo ce ne sono tanti, alcuni dei quali decidono di non sposarsi né imbarcarsi in relazioni stabili vita natural durante. Perché vivono in questa situazione? Questa è la domanda che molte persone si pongono, immaginando chissà quali turbolenti retroscena dietro l’esistenza degli uomini single.

La realtà, come spesso accade, è ben diversa, e sebbene nei film visti al cinema il single incallito protagonista della storia finisca sempre per trovare l’anima gemella, con la quale vivrà felice e contento, sappiamo bene che questo finale non accade molto spesso nella vita di tutti i giorni. Esistono alcune false verità che riguardano tutte le persone non accoppiate, miti da sfatare relativi alla loro personalità, stato d’animo e desideri nascosti.

Galleria di immagini: Uomini single

Per prima cosa, si pensa spesso che i single non pensino ad altro che a cambiare la loro condizione, impegnandosi nella ricerca frenetica di una donna. Questo non è affatto vero, e a dimostrarlo arriva un’indagine USA che ha indagato sui progetti di vita dei non ammogliati, scoprendo come su un campione di persone sole meno della metà desidera sposarsi.

La vita da single, inoltre, non è certo odiata da chi la conduce, che non è avvolto nella completa solitudine e tristezza come spesso si sente dire, ma al contrario è libero di decidere come dividere il suo tempo tra le attività da fare da solo, e i vari amici e compagnie.

Si dice spesso che l’uomo sposato ha una prospettiva di vita più lunga, ma anche questa teoria è stata confutata da una ricerca scientifica. Dal punto di vista caratteriale, inoltre, il single è dipinto come tutto concentrato su se stesso, egocentrico all’inverosimile ed eterno bambino. Questo perché si crede che un uomo non sposato non abbia responsabilità, e quindi si possa permettere di essere immaturo a vita. Non è così.

Una delle false credenze più radicate riguarda invece l’omosessualità, che immancabilmente balza in mente a molte persone che cercano di capire perché un amico, o conoscente, sia ancora single. È chiaro che essere eterosessuale o gay non ha alcun legame con la scelta di non avere un rapporto stabile.

Per quanto riguarda i single con figli, il discorso si fa ancora più delicato. I figli di un genitore solo sono nella maggioranza dei casi delinquenti o comunque affetti da problematiche psicologiche che compromettono la crescita interiore: questa è una falsa credenza assolutamente errata, infatti non esistono differenze tra i bambini, o ragazzi, cresciuti all’interno della famiglia tradizionale rispetto a quelli allevati da un solo genitore.

E ancora, i single sono spesso compatiti come se fossero persone incomplete, alle quali manca qualcosa per essere felici e destinati a morire da soli in competa solitudine. Niente di più sbagliato, infatti anche le persone sposate non hanno alcuna garanzia di condividere la vecchiaia con qualcuno.

La verità è che un uomo sposato può soffrire di solitudine e sentirsi meno amato molto di più di uno single. La differenza sta in tutto il contorno di relazioni che una persona si crea nel corso della propria vita, più che in un anello all’anulare e un pezzo di carta. Voi che ne pensate?