Cosa non farebbero le mamme per i loro bambini. Soprattutto quelle spagnole, calienti per eccellenza, che si sono spogliate per la più materna delle cause: garantire lo scuolabus.

Un gruppo di mamme di una scuola spagnola di Valencia, infatti, non ha accettato il taglio dell’amministrazione scolastica e si è inventato questo stratagemma per raccogliere fondi a sufficienza ed evitare 6 chilometri ogni giorno per raggiungere la scuola.

=> SCOPRI il calendario delle donne zombie

Galleria di immagini: Calendario sexy delle mamme spagnole

Da anni non si contano gli esempi di calendari strani e magari sexy, dove il nudo è subordinato a una finalità benefica. Ma il caso spagnolo è decisamente forte, perché mette assieme la crisi economica, il ruolo delle madri, l’arte di arraggiarsi delle famiglie per cercare di sbarcare il lunario.

Tutte cose perfettamente sintetizzate nel calendario delle mamme che hanno sfidato il Colegio Evaristo Calatayud, un edificio già fatiscente, costruito in cima a una montagna, e che davvero non poteva pensare di costringere i bambini anche a dover fare a meno del trasporto pubblico.

L’autobus costa 7.000 euro al mese, circa 80 euro a bambino, una cifra insostenibile sia per l’Associazione dei Genitori che per molte famiglie. Alcune fra loro hanno solo una macchina e la necessità di andare a lavorare e quasi tutte hanno almeno un componente disoccupato spesso pochi soldi per la benzina.

=> GUARDA le immagini delle mamme cinquantenni VIP

Così, armate di autoironia (e pochi vestiti), 18 delle mamme di questi bambini hanno deciso di realizzare un calendario sexy, tirandolo in 3000 copie, che a quanto pare sono già state abbondantemente prenotare. Ora queste mamme, che vendono il calendario anche su Internet, hanno in programma spettacoli e sfilate per riuscire a raggranellare la cifra necessaria, ridotta grazie anche all’intervento di due sponsor. Il loro sogno è di avere il calendario pronto per Natale e venderne tutte le copie.

Resta solo una domanda: cosa ne penseranno i mariti?

Fonte: El Mundo