Domenica 9 maggio è la Festa della Mamma e, in occasione di tale festività, Eugenia Roccella, sottosegretario alla Salute, e Gianni Letta, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, hanno presentato a palazzo Chigi una campagna promozionale dal nome “Il latte della mamma non si scorda mai“.

Si tratta di una campagna pensata per promuovere l’allattamento materno, rivolta soprattutto alle neo-mamme del sud Italia dove, secondo le statistiche, le madri allattano meno. In base ai dati Istat, quattro donne su dieci decidono di non allattare e al sud si arriva a una su due. In termini di percentuali si parla del 63% per il sud, del 53% per le isole e ben oltre il 69% al nord.

Le indagini hanno mostrato che tale scelta non sembra legata al tipo di lavoro, ma al grado di istruzione, ai pregiudizi e ai messaggi commerciali che scoraggiano l’allattamento per i presunti danni estetici al seno.

Oltre a favorire il legame tra madre e figlio, il latte materno è un alimento completo che contiene sostanze in grado di proteggere il bambino da malattie e infezioni. Dice il ministro:

Secondo l’Organizzazione Mondiale per la Sanità, l’allattamento materno esclusivo va mantenuto per almeno sei mesi, ma può arrivare anche a un anno di vita del bambino, a fianco a cibi complementari, e addirittura a due anni, se il bambino si dimostra interessato e la mamma lo desidera.

Il camper della campagna promozionale partirà da Napoli il 9 maggio, proprio nel giorno della Festa della Mamma, per poi fermarsi in alcune piazze d’Italia dove promuoverà l’allattamento al seno con messaggi e materiali informativi sull’argomento.