Nel primo trimestre di gravidanza per molte donne inizia la scoperta di una condizione nuova e meravigliosa: poco alla volta il fisico si abitua alla nuova vita che cresce dentro. Le dodici settimane iniziali sono anche quelle in cui l’embrione subisce le trasformazioni maggiori, da agglomerato di cellule a feto vero e proprio.

In genere i giorni più fertili per la donna coincidono con la metà del ciclo, quindi circa quindici giorni dopo il primo di mestruazioni, un ovulo maturo viene rilasciato dalle ovaie ed è pronto per essere fecondato dallo sperma maschile.

Se uno spermatozoo raggiunge l’uovo e lo feconda ecco l’inizio di una nuova vita. L’uovo fecondato possiede già 46 cromosomi e comincia a dividersi scendendo attraverso le Tube di Falloppio fino all’utero.

Fra i cinque e i sette giorni dopo la fecondazione l’uovo si impianta nell’utero e comincia a crescere e raddoppiare le dimensioni ogni giorno. Anche la placenta e il cordone ombelicale iniziano a formarsi e a portare ossigeno e nutrimento al feto in via di sviluppo, tuttavia accade raramente che prima del quarto mese la pancia della futura mamma sia ben visibile.

In genere molte donne nel primo trimestre perdono addirittura peso a causa delle nausee mattutine, che spesso impediscono di alimentarsi regolarmente.

Intorno alla quarta settimana (ovvero la seconda dopo la fecondazione) la donna potrebbe accorgersi del ritardo e fare il test di gravidanza. L’embrione intanto si sviluppa in tre foglietti embrionali, ovvero tre strati di cellule, rispettivamente l’ectoderma, il mesoderma e l’endoderma da cui si svilupperanno gli organi e i sistemi del corpo. I primi sintomi della gravidanza si fanno vivi, tra i quali capogiri, nausea, bisogno di urinare con frequenza, seno inturgidito e bruciori di stomaco.

Intorno alla sesta settimana cominciano ad abbozzarsi braccia e gambe del bambino, e durante il secondo mese di gestazione lo sviluppo embrionale è più veloce poiché tutti i futuri organi cominciano a formarsi. Alla fine del terzo mese il rischio di aborti spontanei diminuisce enormemente: se non avete ancora annunciato la bella notizia è ora di farlo.

Anche dal punto di vista emotivo il primo trimestre di gravidanza è pieno di nuove sensazioni: gli ormoni in circolo nel corpo possono rendervi suscettibili, irritabili e farvi piangere molto spesso senza motivo.

La cosa che cambierà di più durante il primo trimestre è il seno, i primi segnali che indicano una {#gravidanza} in corso, infatti, sono sintomi simili a quelli premestruali e per questo inizialmente potrebbe essere più difficile scoprire di essere incinta. Dolori al seno e un aumento delle dimensioni sono identificabili fin dalle prime settimane: questo perché il seno avrà solo nove mesi per adattarsi al ruolo di organo di nutrimento del neonato grazie all’allattamento.

Fonte: Pregnancy.org