Il Truffacuori” è una commedia romantica e divertente diretta dall’esordiente regista Pascal Chaumeil, con Romain Duris e Vanessa Paradis, che uscirà al cinema l’11 febbraio.

Alex Lippi è un giovane e affascinante latin lover. Il suo mestiere è sabotare le coppie: viene pagato da amici e parenti per far dividere amanti mal assortiti. La sua etica professionale gli impone, però, di intromettersi solo tra quelle coppie in cui la donna sia chiaramente infelice.

Galleria di immagini: Il truffacuori

Aiutato dalla sorella e dal cognato, Alex non ha mai fallito una missione. Un giorno però gli viene assegnato un compito molto difficile: Juliette, una giovane ereditiera, che tra dieci giorni sposerà il suo innamorato. Oberato dai debiti e minacciato dagli usurai, Alex è costretto ad accettare l’arduo compito. Fingendosi guardia del corpo, Alex sfodererà tutte le armi a propria disposizione per sedurre la giovane, dai panorami romantici di Montecarlo ai vecchi successi degli Wham, fino alle improvvisate coreografie di “Dirty Dancing“. La missione si rivelerà ben altro e il professionista rubacuori dovrà piegarsi dinanzi all’amore.

“Il Truffacuori” è una commedia leggera che mescola sapientemente comicità, azione e tanto sentimentalismo. Il film ha riscosso molto successo di pubblico e di critica in patria, conquistando facilmente il box office francese. In Italia, il film sarà nelle sale per San Valentino: una commedia romantica a hoc per la festa degli innamorati.

La pellicola offre molta passione e tante gag divertenti. La trama segue uno sviluppo frizzante e brioso, la sceneggiatura risulta semplice ma accattivante. Nonostante la performance recitativa di Vanessa Paradis risulti abbastanza legnosa e poco convincente, Romain Duris offre un sorprendente mix di comicità e fascino innocente.

Incredibile risulta anche la somiglianza di Romain Duris con il nostrano Luca Argentero, ex gieffino e ora attore molto amato soprattutto dalle giovanissime.

Chissà se in tempi di remake, com’è stato il caso di “Benvenuti al sud“, anche “Il truffacuori” possa trovare la sua versione italiana, magari proprio con il sosia nostrano di Duris.