Jennifer Lawrence continua a conquistare  i red carpet delle location mondiali che ospitano il nuovo capitolo della saga sci-fi più amata degli ultimi anni, The Hunger Games: Il canto della rivolta – pt 2.

Durante la prima a Los Angeles l’attrice è stata la regina indiscussa del tappeto rosso, indossando un abito mozzafiato firmato Dior: di bianco vestita l’attrice ha indossato una creazione della maison francese che ha messo in risalto i suoi fianchi, con trasparenze sul profondo décolletè e dettagli con perline dorate sui bordi delle maniche.

Galleria di immagini: Jennifer Lawrence: i red carpet alle prime di Hunger Games

Anche il beauty look era impeccabile, con occhi non troppo marcati, un ombretto bronzo e una linea di eye liner, per concentrarsi sulle labbra rosso fuoco e il suo caschetto platino spettinato. In occasione di queste importati prime mondiali Jennifer Lawrence ha mostrato la sua vena super sensuale e femminile, tuttavia questo sembrerebbe non bastare per farle trovare qualcuno che stia al suo fianco: in una recente intervista con la rivista Vogue l’attrice ha svelato come gli uomini fuggano da lei, non chiedendole mai di uscire ritrovandosi così praticamente sempre sola durante i sabato sera.

Nessuno mi chiede di uscire” ha dichiarato l’attrice al magazine “Ogni sabato sera sono da sola, gli uomini sono così cattivi con me”. La stessa attrice, però, sa anche il perché: “so da cosa deriva, so che stanno cercando di stabilire una posizione dominante, ma feriscono i miei sentimenti”.

“Sono solo una ragazza che vuole che tu sia gentile con me, sono diretta come una freccia. Sento il bisogno di conoscere un ragazzo, con tutto il rispetto, che ha vissuto a Baghdad per cinque anni il quale non abbia la più pallida idea di chi io sia”

Tra gli uomini che ha frequentato ne ha descritto uno come “sexy” ma che tuttavia “non mi piaceva come mi faceva sentire. Quando qualcuno ti rende insicuro è stranamente esilarante perché cerchi di continuare a lottare per convalidarlo. È ciò che vuoi avere prima di sposarti, così che non continui a cercarlo una volta che lo sei”.

Tra le vecchie fiamme dell’attrice ci sarebbe l’attore britannico Nicholas Hoult – noto per film come X Men, dove ha recitato al fianco di JLaw, e la serie tv Skins e che, stando agli ultimi rumor, starebbe frequentando la collega Kristen Stewart – e, se bene non mai confermata, anche il frontman dei Coldplay Chris Martin – ex marito di Gwyneth Paltrow -, storia che sarebbe arrivata al capolinea nei mesi scorsi.

La domanda, quindi, sorge spontanea: perché JLaw non riesce a trovare qualcuno degno della sua esilarante essenza? Ecco cinque probabili motivazioni.

  1. Un carattere molto forte. Molti uomini hanno ancora dei timori nei confronti delle donne con un carattere forte e decisionale, sentendosi spesso intimiditi in quanto potrebbero non essere la “figura dominante” della coppia. Ciò che da a vedere JLaw è di essere una giovane donna che sa quello che vuole e che certamente non fa troppi giri di parole per ottenerlo, specie se accompagnato dalle sue battute esilaranti e pungenti.
  2. La vena da maschiaccio. Oltre alla sua vena sensuale e femminile mostrata in particolar modo in occasione degli eventi più importanti – come le varie première per l’ultimo capitolo della saga The Hunger Games – è noto a tutti come, in fondo, Jennifer Lawrence sia un’inguaribile maschiaccio: per molte donne riguarda essere sé stesse senza filtri, mentre alcuni uomini – che magari hanno una visione distorta  della donna e sono alla ricerca di una figura perfetta in tutto e per tutto – non sono molto propensi a frequentare donne che hanno atteggiamenti non proprio “femminili” oppure, come nel caso dell’attrice, cercando di infilarsi quanti più marshmallow possibili in bocca.
  3. La notorietà. Può sembrare assurdo ma una volta che diventi un personaggio pubblico – che sia del cinema, dello spettacolo o della musica – si può dire addio alla propria vita privata. Se bene non sia il caso di Jennifer Lawrence – la quale ha sempre fatto tesoro della sua privacy, tanto da non aver mai parlato della sua presunta relazione con Chris Martin – molti potrebbero sentirsi minacciati lo stesso da tutto ciò. Ovviamente se non si è dei megalomani che sfruttano ogni occasione per un pizzico di notorietà.
  4. La sua “potenza” nel mondo del cinema. Le donne potenti e forti, come già evidenziato, possono far sentire in qualche modo l’uomo più “piccolo” e insicuro: JLaw al momento è una delle attrici più amate e richieste nel mondo del cinema e per ogni pellicola riceve cifre astronomiche, superando di gran lunga molti nomi noti. Questa sua “ricchezza” e potenza potrebbe anch’essa far scaturire nell’uomo una sensazione di inferiorità, oltre agli innumerevoli impegni lavorativi che possono tenerla impegnata.
  5. La sua presa di posizione per i diritti delle lavoratrici donne. Nonostante il suo patrimonio milionario l’attrice cerca comunque di far valere i diritti delle lavoratrici donne che – specie negli Stati Uniti – possiedono una remunerazione inferiore rispetto agli uomini, nonostante spesso svolgano lo stesso lavoro, la stessa mansione.