Kate Winslet è molto felice per il suo sedere. L’attrice premio Oscar per il film The Reader ha parlato a ruota libera in una nuova intervista concessa a Vanity Fair, ribadendo il suo status di anti-diva contraria alla chirurgia plastica e favorevole a una vita più normale possibile.

Kate Winslet nell’intervista con il magazine Vanity Fair ha dato grande spazio al tema del peso e della forma fisica:

Galleria di immagini: Kate Winslet, le immagini della carriera

«Credo sia importante continuare a ribadire che la normalità non è quella che ci fanno vedere. A essere sincera, io neanche le conosco donne che portano la taglia 38. Anzi sì, una: mia figlia. Solo che Mia ha 11 anni.»

La protagonista di Titanic, recentemente uscito con successo anche in versione 3D, ha tenuto a ricordare di come l’ossessione per la linea, tipica di molte donne e ancor di più nell’ambiente hollywoodiano, non faccia per lei:

«È una di quelle cose di cui ho imparato veramente a fregarmene. Una volta no, mi ferivano. A 20 anni dicevo che non mi importava, ma in realtà ci soffrivo, eccome. Pubblicamente facevo la superiore, ma dentro ne morivo. Adesso no. Ci vuole tempo, ma si impara. Ci vuole molto tempo per liberarsi di quella bambina grassa, ma sa cosa? Sono sinceramente grata per il mio sedere. Oddio, non è una battuta fantastica?»

Insomma, Kate Winslet è tutto fuorché una diva e all’infuori del set ci tiene a mantenere la sua vita il più normale che può:

«Cerco sempre di prendermi un anno abbondante di pausa tra un film e l’altro. Per avere il tempo di far raffreddare le cose, di rallentare un attimo. […] Ho sempre avuto una vita normale e sempre l’avrò. Sono gli altri, è tutto quello che gira intorno al mio mestiere che la rende “anormale”.»

Fonte: Rumors