Lady Dior, la più famosa fra le borse della maison Christian Dior e vera icona di stile, sarà protagonista di una mostra alla Triennale di Milano intitolata Lady Dior As Seen By/A New Generations Of Italian Artists, aperta al pubblico sino al 4 novembre. L’esposizione celebrerà questo accessorio cult grazie alle rivisitazioni artistiche di grandi nomi del mondo dell’arte e del design, ambiti che da sempre si intrecciano alle creazioni Dior in un legame dalle reciproche influenze.

Le borse Lady Dior incarneranno quindi le visioni di artisti del calibro di David Lynch, John Cameron Mitchell, Patrick Demarchelier, Arne Quinze, Wen Fang, Maarten Baas e Olympia Scarry. Non mancano nomi italiani e rappresentanti della nuova generazione creativa del nostro paese come Luca Trevisani, il duo Vedovamazzei, e i giovanissimi Alessandro Carano e Davide Stucchi, i due studenti dell’Accademia di Belle Arti di Brera vincitori del concorso indetto dalla maison per lo sviluppo di un progetto artistico ispirato all’iconica borsa.

Il percorso espositivo si sviluppa attorno a un totale di oltre 70 opere, un omaggio al genio creativo di Christian Dior e all’indimenticabile Lady Diana: Lady Dior fu creata infatti nel 1995 da un artigiano di Scandicci per la principessa del Galles, che in quell’anno la ricevette come regalo dalla moglie del Presidente Chirac in occasione della visita a Parigi per la mostra di Paul Cézanne.

Da allora questo intramontabile accessorio è conosciuto con lo pseudonimo di Lady Dior, ed è indissolubilmente legato a Lady Diana: due simboli di eleganza celebrati oggi da questa mostra e dal rinnovo della boutique Christian Dior in via Montenapoleone 12, sempre a Milano, che sulla medesima scia artistica porta la firma dal celebre architetto Peter Marino, e racchiude una serie di installazioni e opere contemporanee che convivono in perfetta simbiosi con le proposte della maison.

Fonte: ilMessaggero.it