Lady Gaga non si esibirà a Giacarta a causa delle proteste dei gruppi islamici. Già nei giorni scorsi la cantante era stata accusata di essere volgare e di fornire un cattivo esempio ai giovani. Il Fronte dei difensori dell’Islam aveva organizzato delle proteste nella capitale, annunciando che avrebbe fermato la cantante all’aeroporto per evitare che potesse mettere piede nel paese per il suo show.

Galleria di immagini: Lady Gaga a Tokyo, immagini

Ora la polizia indonesiana ha deciso di vietare la tappa del Born This Way Ball Tour di Lady Gaga a Giacarta, prevista per il prossimo 3 giugno, cedendo alle pressioni degli islamici radicali. Il leader del FPI si è felicitato per la decisione ribadendo che la cantante è molto pericolosa ed è una messaggera del diavolo.

L’Indonesia è il più popoloso paese a maggioranza musulmana, anche se la maggior parte pratica una forma di islam molto moderata. Il ministro dell’Interno ha comunque appoggiato la decisione della polizia, definendola la cosa più giusta ”per proteggere l’Indonesia”.

Nessuna reazione per il momento da parte di Mother Monster, mentre le proteste sono esplose su Twitter, dove i fan della cantante hanno lanciato l’hashtag #IndonesiaSavesGaga per convincere le autorità a revocare l’annullamento dello spettacolo.

Per la tappa di Giacarta erano stati già venduti 50 mila biglietti dal costo variabile tra i 40 e i 190 euro, cifre molto alte per la media del paese, segno che molti indonesiani avrebbero voluto partecipare allo show. Intanto Lady Gaga si esibirà domani e dopodomani a Taipei, poi a Manila, Bangkok e Singapore.

Fonte: Rolling Stone