Les Misérables: si è tenuta ieri sera la première globale del musical di Tom Hooper affollato di star, da Anne Hathaway a Hugh Jackman, Russell Crowe e Amanda Seyfried. E tutti hanno decantato l’intensità di un film del genere, che ovviamente si vocifera già sia sulla strada per gli Oscar.

=> Guarda Anne Hathaway imbruttita nel trailer de I Miserabili

Galleria di immagini: Les Misérables, première

Anne Hathaway, in un elegantissimo abito da sera Givenchy tempestato di perle, ha detto che è stato il lavoro dei suoi sogni, che avrebbe fatto qualunque cosa per interpretare Fantine, la giovane prostituta de Les Misérables. Anche più che tagliare di netto le lunghe chiome o dimagrire parecchi chili.

Sul red carpet anche la giovane Amanda Seyfried, in un due pezzi neri firmato Balenciaga, accanto al collega inglese Eddie Redmayne, che ha detto di aver preso a modello Hugh Jackman. Questi ha dichiarato su red carpet che anche per lui è stata un’esperienza molto importante:

«Mi sono messo alla prova emozionalmente, fisicamente e mentalmente. È stato estenuante e intenso.»

Persino Russell Crowe, con capelli quasi rasati, ha espresso le difficoltà del ruolo:

«È stata un’esperienza profonda, fondamentalmente difficile, dove mi è stato chiesto di avere accesso alla mia anima, in un modo intenso, ma piacevole.»

=> Guarda i poster italiani de I Miserabili

E il risultato a detta di molti è emozionante, commovente e grandioso, ed è stato ricevuto a un’anteprima privata a New York con una standing ovation. Del resto con un regista come Tom Hooper, già premio Oscar per Il Discorso del Re, i bookmaker stanno scommettendo per la prossima stagione dei premi.

Non la pensa così lo scrittore di Pshycho, Bret Easton Ellis, che in concomitanza della première dal suo account Twitter ha sparato a zero sul film, dicendo che Anne Hathaway era pietosa, che sono state 2 ore e 40 minuti di melensaggine e che l’unico a salvarsi dall’umiliazione è il giovane inglese Eddie Redmayne. A Natale l’ardua sentenza.

Fonti: Sky, Telegraph, account twitter di Bret Easton Ellis