In competizione al Festival di Cannes 2017 per la Palma d’oro, il film L’inganno di Sofia Coppola con Nicole Kidman e Colin Farrell arriva nelle sale americane il 23 giugno ed è previsto in Italia solo a settembre. Pellicola molto attesa, che segna il ritorno della Coppola alla macchina da presa dopo quattro anni – “Bling Ring” aveva aperto la selezione Un Certain Regard a Cannes nel 2013 – vede insieme un nutrito cast di stelle oltre ai due protagonisti. Accanto a Nicole Kidman e Colin Farrell ci sono, infatti, Kirsten Dunst, diretta per la terza volta dalla Coppola dopo “Il giardino delle vergini suicide” e “Maria Antonietta“, Elle Fanning, con la regista anche in “Somewhere” del 2010, e un ensemble di giovanissime attrici che muovono più o meno i loro primi passi nell’industria cinematografica.

Ero circondato da attrici di straordinario talento. Visto che per gran parte della storia il mio personaggio sta steso sul letto, ho avuto il posto migliore della casa per vederle lavorare!”, ha rivelato Colin Farrell.

Sofia Coppola, a cui si deve anche l’adattamento dal romanzo “The Beguiled“, di Thomas Cullinan, voleva esplorare il tema delle donne isolate durante la Guerra Civile. Molte delle attrici sono state obbligate a fare pratica con gli accenti, specifici per ogni Stato, per un’ora al giorno; e tutte si sono meravigliate di come la Kidman memorizzasse e poi conservasse la voce di Miss Martha. “Ho fatto un accento del Sud molto particolare e ho tentato di mantenerlo spesso sia prima che dopo le riprese”, ha raccontato l’attrice.

La squadra, quasi tutta al femminile, include la scenografa Anne Ross, la montatrice Sarah Flack e la costumista Stacey Battat, ognuna delle quali ha già collaborato con la regista. Il direttore della fotografia, candidato all’Oscar, Philippe Le Sourd, è invece al suo primo film con la Coppola.

L’inganno di Sofia Coppola con Nicole Kidman e Colin Farrell: trama del film

Tratto dal romanzo del 1966 “The Beguiled”, di Thomas Cullinan (intitolato originariamente “A Painted Devil“), remake del film del 1971 “La notte brava del soldato Jonathan“, diretto da Don Siegel, “L’inganno” di Sofia Coppola si svolge in un collegio femminile al Sud, durante la Guerra di Secessione americana. Le giovani donne che ci vivono, protette dal mondo esterno, soccorrono un soldato nordista ferito e lo portano al riparo. Mentre gli offrono rifugio e curano le sue ferite, la casa viene invasa dalla tensione sessuale e da pericolose rivalità.

Galleria di immagini: L'inganno di Sofia Coppola con Nicole Kidman e Colin Farrell, foto

L’inganno di Sofia Coppola con Nicole Kidman e Colin Farrell: uscita e trailer

Dopo essere stato presentato alla 70esima edizione del Festival di Cannes, il film, prodotto dalla Focus Features, uscirà nelle sale italiane il 14 settembre, distribuito da Universal Pictures.

Già da aprile è disponibile il secondo trailer italiano ufficiale del film; il primo trailer è stato rilasciato in febbraio.

L’inganno di Sofia Coppola con Nicole Kidman e Colin Farrell: libro

Thomas Cullinan, autore del romanzo “The Beguiled” mai tradotto in Italia (conosciuto anche con il titolo “A Painted Devil”), è poco noto dalle nostre parti. È da molti considerato un rappresentante del Southern Gothic, una sottogenere del romanzo gotico ambientato nel profondo sud degli Stati Uniti, in cui i protagonisti sono solitamente inquieti e eccentrici (spesso abbracciano le pratiche hoodoo), appartengono a classi sociali decadute e si trovano coinvolti in situazioni sinistre, fatte di alienazione, crimine e violenza. Truman Capote, William Faulkner, Flannery o’Connor e Ann Rice sono solo alcuni degli scrittori che hanno reso celebri ambientazioni e atmosfere di questo genere, strettamente legato alla realtà d’oltreoceano.

La storia è tipicamente del genere ‘Southern Gothic’, con le cose che ribollono sotto la superficie fino a che arrivano a un punto massimo e poi esplodono. Non è horror, ma sembra ci sia l’horror dentro, con emozioni intense e distruzione – il tutto reso ancora più avvincente perché accade tra donne“, ha spiegato Kirsten Dunst.

Nell’adattamento del romanzo del 1971, a opera di Don Siegel, a interpretare il caporale nordista Jonathan McBarney, ruolo affidato dalla Coppola a Colin Farrell, era Clint Eastwood, mentre il personaggio di Martha (ora di Nicole Kidman) era di Geraldine Page.