Madonna ha lanciato il suo M.D.N.A. Tour all’insegna di armi, sangue, qualche provocazione religiosa, un discorso sul Medio Oriente e naturalmente qualche frecciatina alla giovane rivale Lady Gaga. In una girandola di cambi d’abito, tra il succinto più che succinto e versione cheerleader.

Galleria di immagini: Madonna: MDNA Tour a Tel Aviv

Madonna ha lanciato il suo M.D.N.A. Tour ieri sera a Tel Aviv, Israele, e ha scelto il luogo per l’apertura non a caso, ovviamente, bensì perché il conflitto del Medio Oriente le sta molto a cuore, come ha detto sul palco. Non fosse che poi il fil rouge dello show siano state pistole e sangue. Ma questa è appena una delle piccole contraddizioni della pop-star.

Ieri sera sul palco la signora Ciccone ci ha tenuto a lanciare una frecciatina alla “collega” Lady Gaga, come si era già annunciato, cantando Express yourself mixato con pezzi di Born this way e urlando alla fine della canzone:

«Lei non è me.»

Lo spettacolo d’apertura è poi continuato tra atmosfere pseudo-religiose, con Madonna immolata su una specie di vulcano sulle note di Like A Virgin, stile vergine sacrificale e immancabile croce, poi rapida virata sul cheerleader, con lei in gonnella bianca e rossa in mezzo ai ballerini. Poi di nuovo seminuda, in versione rock, e persino con le rinnovate coppe a punta, recuperate dagli anni ’90 e del tutto riformulate da Jean-Paul Gaultier. E soprattutto tanti spari, kalashnikov, pistole e sangue ovunque.

Fonti: Reuters, DailyMail