In età pediatrica, il mal d’orecchio è molto comune e colpisce soprattutto in inverno. Secondo la Società Italiana di Pediatria, oltre l’80% dei bambini al di sotto dei 3 anni presenta almeno un episodio di otite media acuta e in circa un terzo dei soggetti si evidenzia una significativa ricorrenza degli episodi.

Si tratta di un’infiammazione dell’orecchio che presenta sintomi che possono variare a seconda della gravità, tra cui un dolore acuto all’orecchio, spesso il mal di gola e il raffreddore e la febbre alta in caso di otite acuta. Nelle forme più gravi, può causare problemi all’apparato uditivo, soprattutto se viene trascurata o curata male. Solo il pediatra può diagnosticare con certezza un’otite, attraverso l’utilizzo dell’otoscopio.

Esistono dei rimedi naturali utilizzati spesso dalle mamme per alleviare il dolore provocato dall’infiammazione. Tuttavia, il parere del pediatra è d’obbligo soprattutto per i casi più gravi, magari in presenza di febbre alta. Nei casi acuti, infatti, il medico può somministrare un antibiotico.

Rimedi naturali

  • Acqua tiepida: applicare un impacco caldo per 10 minuti a contatto dell’orecchio infiammato. Il calore allevierà il dolore.
  • Inalazioni: preparare un suffumigio con acqua calda e qualche goccia di olio di eucalipto in una vaschetta. Coprire la testa del bambino con un asciugamano e far inalare il vapore nel naso, per tre volte al giorno sino ad alleviare il dolore.
  • Olio di oliva: intiepidire l’olio e con un contagocce prelevare un paio di gocce e introdurle introducete delicatamente nell’orecchio del bambino, facendolo sdraiare su un fianco con l’orecchio da curare rivolto verso l’alto. Inserire poi nell’orecchio un batuffolo di cotone facendo attenzione a non spingerlo troppo in fondo.
  • Lavanda: applicare alcune gocce di olio essenziale di lavanda sulla parte esterna dell’orecchio e massaggiare. È utile per lenire il padiglione auricolare, nel caso di irritazione.
  • Massaggio: muovere delicatamente l’orecchio e la mascella del bambino. Il movimento, infatti, come uno sbadiglio può aiutare a sbloccare la tromba di Eustachio, alleviando la pressione e facendo defluire i liquidi intrappolati nel canale.