Una rosa blu per un bouquet di nozze originale. Si sa che il matrimonio è l’istituzione più tradizionale che esista, aperta però alle novità, come si conviene a un rito così importante. Ecco allora che ogni anno spunta fuori una trovata in grado di attirare l’attenzione delle future coppie di sposi. La novità del periodo è di tipo floreale: si tratta della rosa blu, una specie del tutto particolare, con sfumature cromatiche rare e suggestive.

La rosa blu ha una coloritura così brillante che i suoi creatori non hanno dubbi sul fatto che possa diventare il fiore più romantico per il giorno del sì, al pari dei fiori più tradizionali.

Certo, resta da chiedersi come evitare che un simile colore cozzi contro il candore virginale dell’abito da sposa: si presume che chi sceglie la rosa blu per addobbare la chiesa o per arricchire il bouquet, non si faccia troppi problemi a indossare un abito da sposa trasgressivo, magari realizzato in jeans.

Certamente le spose più tradizionaliste storceranno un po’ il naso dinanzi a un fiore dal colore così poco convenzionale: solitamente, infatti, quando si pensa alle nozze vengono in mente fiori bianchi o comunque dai colori decisamente tenui. La rosa blu ha però una sua pretesa di collocarsi nel solco della tradizione: infatti l’usanza (di origine inglese) prevede che la sposa per il fatidico sì indossi qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo, qualcosa di prestato e qualcosa di blu. Ecco servita la rosa blu, senza bisogno di scervellarsi. E auguri agli sposi.

Fonte: She Knows