Il matrimonio rappresenta un passaggio importante nella vita degli esseri umani coinvolti, uomo e donna che diventeranno marito e moglie. Per i romantici rappresenta quel momento in cui due persone si vogliono bene e decidono di trascorrere tutta la vita insieme. Ma come Steve Martin ne Il Padre della Sposa insegna, matrimonio e giorno delle nozze sono qualcosa di davvero diverso: le rispettive famiglie si incontrano ufficialmente per la prima volta e tutta l’organizzazione frenetica che viene prima può essere motivo di scontro, perché i preparativi non possono corrispondere a un’idea univoca di ricevimento e degli altri segni esteriori che indicano l’imminenza delle nozze.

Le nozze presentano infatti una serie di questioni da decidere e da organizzare, dai dettagli del ricevimento, agli abiti per sposo e sposa, alle bomboniere, alle partecipazioni e così via. Ma spesso ci si mette di mezzo la famiglia di lui in queste decisioni, rendendo il matrimonio tutto tranne che un piacere. Invece è quello che un matrimonio deve essere, un piacere, un preludio a una vita di coppia possibilmente felice.

Bisogna partire da un presupposto, in caso vi fossero donne che ancora non hanno capito l’antifona: si crede che ci si sposerà solo con una persona, ma spesso si finisce per sposare l’intera famiglia, soprattutto quando è di stampo tradizionale. Per cui, se già non si riescono a sopportare gli appunti per l’organizzazione del matrimonio da parte della famiglia di lui, ci si deve preparare al peggio, o i bocconi amari saranno duri da mandar giù. Questo interessa soprattutto quelle donne che non riescono a scendere a compromessi, che dovranno capire in anticipo se questo è uno stile di vita che dovranno cambiare.

Tuttavia, ci sono delle situazioni in cui si deve metter un punto e magari un a capo. Se i parenti di lui sono troppo invadenti nelle decisioni che riguardano le nozze, occorre mettere dei paletti, anche per salvaguardare la propria sanità mentale. Va bene prendere le decisioni con il proprio futuro marito, dato che lo sposo e la sposa saranno gli indiscussi protagonisti di questa giornata. Ma come si suol dire, in due si è una coppia, in tre una folla: va bene cercare di mediare, ma non annullarsi nel disperato tentativo di piacere a qualcuno come non si è.