La premenopausa e poi la menopausa sono periodi della vita che interessano tutte le donne e che possono iniziare da una fascia d’età che va dai 38 ai 47 anni circa. Essi coincidono con la scomparsa prima sporadica e poi totale del ciclo mestruale e con l’impossibilità definitiva di procreare. I sintomi attraverso cui è possibile riconoscere la menopausa variano da donna a donna: alcune possono avvertirli in modo nettamente più marcato, per altre possono rappresentare dei semplici piccoli fastidi con cui convivere serenamente. I principali e più comuni sono però rappresentati soprattutto da quelli che saranno illustrati a breve.

Menopausa: i sintomi

Esistono dei sintomi comuni della menopausa, che permettono di riconoscerla. Come già premesso però, essi non vengono avvertiti da tutte le donne e se avvertiti, possono esserlo in modi differenti. Fra essi vi sono:

  • vampate di calore: è il classico sintomo associato alla menopausa. Esse sono collegate al fatto che il corpo della donna subisce dei cambiamenti ai livelli di estrogeno presenti nell’organismo. Le vampate di calore possono avere una durata variabile nel corso degli anni e solitamente, quando si presentano, possono persistere da un  minimo di trenta secondi ad un massimo di dieci minuti. Si trattano di attacchi improvvisi, che fanno avvertire inizialmente un gran calore, soprattutto sul viso e sul collo, che possono comportare sudorazione e che terminano, in genere, con una sensazione di freddo finale.
  • Cambiamenti nel ciclo mestruale: si tratta del sintomo che interessa tutte le donne perché quando si entra in premenopausa il ciclo inizia ad essere irregolare, fino a scomparire del tutto quando si entra definitivamente in menopausa.
  • Cambiamenti dell’umore: gli sbalzi ormonali e i piccoli disagi provocati dalla menopausa possono indurre uno stato di irritabilità o lunaticità spesso tipici di questo periodo.
  • Cambiamenti del corpo: la menopausa può incidere sul tono della pelle, può portare secchezza, dolori alle ossa ed osteoporosi, difficoltà a ricordare le cose, aumento di peso.
  • Problemi sessuali: i cambiamenti ormonali e la secchezza vaginale di cui si potrebbe soffrire, possono comportare un calo del desiderio sessuale o fastidio durante i rapporti sessuali (problema che può essere risolto, ad esempio, servendosi di lubrificanti).
  • Problemi all’apparato genitale: la secchezza vaginale, oltre a rendere più difficoltosi e dolori i rapporti sessuali, può far aumentare le possibilità che si incorra nel rischio di avere infezioni vaginali (come la candida ad esempio) ma si può soffrire anche di incontinenza.
  • Disturbi del sonno: le vampate di calore notturne e la sudorazione che esse comportano, i dolori alle ossa e tutti gli altri cambiamenti che potrebbero interessare il corpo, possono causare anche difficoltà ad addormentarsi oppure a riposare bene.