La minigonna torna di moda, in barba al bon ton di Kate Middleton che ripristina le lunghezze e le passerelle che sfoggiano strascichi. Ma quando arriva l’estate non ce n’è per nessuno, la minigonna è sempre un must assoluto, perché è fresca, perché è comoda e, per chi se la può permettere anche chic. Difficile immaginare una minigonna inguinale per una over 25, anche con un fisico statuario: passata una certa età la mini è possibile, ma deve lasciare un po’ di spazio all’immaginazione.

Galleria di immagini: Minigonna

L’anno prossimo la minigonna compirà il suo anniversario più importante, i suoi 50 anni: era infatti il 1963 quando la lanciò Mary Quant attraverso una ex parrucchiera, Twiggy, che divenne l’incarnazione di questa moda innovativa. Che è durata grosso modo fino alla fine degli anni ’80, per poi scomparire, mescolarsi, creare nuove lunghezze.

Gli stilisti quest’anno si sono sbizzarriti con la minigonna: da Emporio Armani che propone abiti corti bianchi profilati di nero, a Krizia che ha rielaborato la gonna a palloncino, fino a Laura Biagiotti, Frankie Morello che riabbina la minigonna ai bermuda, come accadde nei primi anni ’90, e Alexander McQueen che la abbina a scarpe che si slanciano dalla caviglia al ginocchio.

Un discorso a parte va fatta per Dolce & Gabbana: la linea giovane rielabora il foulard a mo’ di pareo, scoprendo totalmente le gambe, mentre la collezione pret-a-porter modella lunghezze differenti, dal polpaccio all’anca. Anche Stella McCartney reinventa la mini: asimmetrica la sua con orli ondulati.

Fonte: Il Messaggero