Paris Hilton ne ha detta un’altra delle sue: la miliardaria nota più che altro per episodi imbarazzanti e/o offensivi, vedi il saluto nazista di due anni fa, stavolta è stata registrata mentre lanciava una serie di insulti ai gay, incluso l’amico che aveva accanto. Ora nega le accuse di omofobia, ma si scusa per le sue affermazioni.

Galleria di immagini: Paris Hilton a New York

Paris Hilton lo scorso 7 settembre era in taxi con un amico modello gay. Stavano discutendo di una app, Grindr, usata dagli omosessuali per localizzarsi. Ed è stata questione di una manciata di secondi affinché la ricca ereditiera lanciasse dei commenti omofobi esplosivi, che il tassista non ha potuto far altro che registrare e poi diffondere. L’amico le ha spiegato il funzionamento:

«Diciamo che io mi connetta a Grindr, qualcuno su Grindr potrebbe abitare in quel condominio e ti dice esattamente la sua locazione e tu puoi dire “Vuoi fare sesso?”, e lui potrebbe essere lì disponibile al sesto piano.»

E qui è partita la serie di insulti di Paris:

«I gay sono le persone più arrapate del mondo. Sono disgustose. Amico, la maggior parte probabilmente ha l’Aids. Sarei così spaventata se fossi gay. Potresti morire di Aids.»

La portavoce di Paris ha confermato che la registrazione è autentica, ma ha travisato le parole dell’ereditiera:

«I commenti di Paris Hilton volevano esprimere il fatto che è pericoloso per chiunque fare sesso non protetto, che potrebbe portare a una malattia mortale. Stavano discutendo di un sito Web che incoraggia sesso casuale di gay con degli sconosciuti. I suoi commenti erano rivolti alle persone che promuovono se stesse sul sito.»

E ha aggiunto come il tassista abbia registrato solo parte della conversazione, e come Paris in definitiva sia la più grande sostenitrice della comunità gay. Versione che cozza un po’ con il suo primo commento sulle persone più arrapate del mondo. La stessa ereditiera ha chiesto pubblicamente scusa per l’episodio:

«Sono così dispiaciuta e turbata per aver addolorato amici e fan gay, e le loro famiglie. I gay sono le persone più forti e formidabili che io conosca.»

E stavolta ha omesso “e disgustose”. Ecco la registrazione audio dell’ereditiera.

Fonti: RadarOnline