Si è concluso qualche giorno fa il Forum sulla Cucina Italiana nel Mondo che si è tenuto a Parma, durante il quale si è svolto il primo Pasta World Championship, una sfida in cui diversi chef da tutto il mondo hanno preparato piatti diversi a base di pasta.

Tra i tanti chef che si sono dati battaglia a suon di spaghetti e ragù, il primo premio è andato a Yoshi Yamada.

Sembra davvero strano ma il più bravo a preparare i primi piatti del mondo intero non  è, come tutti si aspettavano, uno chef italiano, ma è stato un giovane ragazzo giapponese che ha preparato un primo piatto a base di bavette, vongole, cozze e calamari.

Il segreto del suo successo, comunque, è tutto italiano. Yoshi Yamada, infatti, ha studiato e lavorato per anni a Napoli, nella cucina del ristorante “Don Alfonso” e ha avuto per maestro il due volte stella Michelin Alfonso Iaccarino.

Adesso lo chef ‘giappoletano’, come ama definirsi, lavora a Londra al ristorante “Il Tempo”, ma deve la sua bravura culinaria alla maestria italiana.

Gli altri posti del podio, comunque, sono tutti italiani. La medaglia d’argento è andata a Giorgio Nava, chef dei ristoranti Keerom 95 e Carne di Città del Capo, e il bronzo se lo è aggiudicato Sauro Scarabotta del Fricco’ Restaurant di San Paolo, in Brasile.