Una relazione d’amore può arrivare al capolinea anche quando meno uno se lo aspetta, e cosa dire quando la fatidica rottura fosse arrivata proprio per la notte di Capodanno? L’atmosfera festiva di per sé non aiuta chi si ritrova con il cuore spezzato, ma ci sono alcuni accorgimenti da seguire per provare a sopravvivere nonostante tutto.

Si dice che il 2012 sia l’anno dei cambiamenti, ma ritrovarsi single a Capodanno è un brutto colpo da digerire, soprattutto visto che intorno a Natale sembra non ci siano altro che coppie felici che si baciano sotto il vischio. Ma prima di passare alla soluzione Bridget Jones, a base di “vodka e Chaka Khan”, bisogna guardare alle alternative.

Prima di tutto rivolgersi alla rete di amici e parenti. Anche se il più delle volte la famiglia può sembrare un impiccio, urge un cambio di prospettiva. La mamma può anche essere spesso noiosa e polemica, ma rimane una fonte inesauribile di amore cui ci si può abbandonare senza riserve per dare un filo di sollievo al cuore spezzato. E poi si possono recuperare le vecchie amiche, magari trascurate a causa del partner, per circondarsi di quanto più affetto possibile.

Secondo punto: concedersi meritate coccole. Bisogna focalizzare sul fatto che non si dovrà sprecare tempo prezioso durante gli ultimi giorni di vacanza per andare a trovare gli ex futuri suoceri, o per incontrare gli amici di lui, spesso insopportabili. Potrà sembrare una magra consolazione ma incanalare il tempo che si sarebbe dedicato a lui verso se stesse è molto efficace. I soldi risparmiati per il regalo alla madre dell’ex partner, possono essere spesi in modi molto più soddisfacenti, come un giorno alle terme, alla spa per un massaggio, un viaggio last minute con un’amica, o anche solo un gioiello, un libro, qualunque cosa possa portare un po’ di sollievo.

È importante ricordare che una persona con il cuore spezzato ha tutto il diritto di opporsi a tutti quelli che vorranno sapere cosa è andato storto, di chi è stata la colpa della rottura. Basterà rispondere con un secco “Sono affari miei” a tutti gli amici e parenti che non vedono l’ora di avere un po’ di informazioni. In fondo a rottura fresca ci sono tutte le attenuanti per risposte brusche e sgarbate.

Se il punto dolente sono le feste a cui si è invitati e a cui riesce difficile partecipare in solitaria, non c’è altra soluzione che farsi coraggio. Magari concedersi un intero pomeriggio da un parrucchiere, da un’estetista, o farsi truccare da un esperto make-up artist, e indossare quelle scarpe o vestito sexy che non si tirava fuori dall’armadio da un pezzo. Vedersi belle sarà già di per sé un bel colpo di autostima. E alle feste ci saranno solo sguardi ammirati.

Ma se proprio non si è in vena di feste, di amici, parenti o conoscenti, e l’unica cosa che che si riesca a fare è stare sul divano a piangersi addosso, pazienza. Alle volte è necessario piangere tutte le proprie lacrime prima di passare oltre, perciò ci si può concedere il proprio film preferito, o un bel libro, un bicchiere di vino o una scatola di cioccolata, struccate e in pigiama, e lasciarsi andare alla propria perdita. L’importante è non farsi prendere dal panico, le feste sono quasi finite, il peggio sta per passare.

Fonte: YourTango