Quando il tuo bambino comincia a frequentare l’asilo, devi mettere in conto anche molte piccole problematiche a carico della sua salute. Ma non devi preoccuparti, perché molte di queste problematiche sono assolutamente innocue, non fanno male e si possono curare facilmente. Consideriamo insieme i disturbi più frequenti che possono colpire il tuo bambino all’asilo e come provvedere.

L’impetigine

Un caso frequente. Ma di cosa si tratta? È un’infezione batterica molto comune e molto contagiosa. Anche se è brutta a vedersi, non comporta però complicazioni gravi. Tuttavia procura disagio e, per evitare che si propaghi, necessita di cure tempestive. Il sintomo più frequente è la comparsa di numerose crosticine, in genere sul viso e sulle mani, ma può diffondersi un po’ dappertutto. Il bambino nel complesso sta bene, però può apparire molto nervoso.

Il problema

Prima si sviluppano delle bollicine, che poi scoppiano rapidamente, lasciando delle piccole cicatrici. Queste macchioline di solito danno prurito e lasciano delle crosticine con uno spurgo appiccicoso e giallastro, mentre sotto la cute è presente rossore e infiammazione. In genere, queste macchioline sono piuttosto piccole, ma qualche volta se ne possono sviluppare altre, una accanto all’altra.

Il trattamento migliore

L’impetigine si cura facilmente con gli antibiotici. Se il disturbo interessa solo una piccola parte del corpo, si può prescrivere, infatti, una pomata antibiotica. Se l’impetigine è maggiormente diffusa, il bambino potrebbe aver bisogno di un antibiotico o di uno sciroppo da assumere per via orale. Con gli antibiotici, di solito, l’infezione guarisce dopo sette-dieci giorni.

Quando devi applicare la pomata, abbi cura di lavarti bene le mani prima e dopo l’applicazione della pomata. Fa’ in modo che il tuo bambino non si tocchi le zone interessate dall’infezione; evita che altri usino il suo asciugamano e fa’ sempre il bucato alla massima temperatura.

Una raccomandazione

Devi tenere lontano il tuo bambino dagli altri bambini finché le lesioni non siano completamente guarite. Pertanto per tutto il periodo del problema in atto non puoi portarlo all’asilo ad evitare il propagarsi di contagio. Consigli semplici, che tuttavia non escludono il parere del pediatra di fiducia.