Ospiti, duetti, novità: a un giorno dal fischio di inizio del Festival di Sanremo 2018, si è svolta la conferenza stampa di presentazione.

La stelle polare sarà la musica”, conferma e ribadisce Claudio Baglioni, direttore, o meglio “dittatore artistico” del Festival, come ormai dice di sé scherzando abitualmente il cantante a proposito del suo ruolo a Sanremo.

La canzone italiana sarà dunque protagonista, all’interno di uno show che vuole celebrare “musica e parole” anche attraverso il tributo ai grandi nomi che hanno reso celebre il palco dell’Ariston. Tra gli omaggi annunciati in conferenza, quello del Volo al grande Sergio Endrigo, il tributo di Piero Pelù a Lucio Battisti e quello di Gino Paoli, accompagnato dallo stesso Baglioni, a De Andrè e Bindi.

Ad essere ricordati sul palco saranno anche Giorgio Gaber e Luigi Tenco, mentre nella serata di sabato, confermata la presenza di Fiorella Mannoia che duetterà con Claudio Baglioni, per rendere omaggio alle canzoni di Ivano Fossati.

La centralità della musica per questa sessantottesima edizione di Sanremo, che si preannuncia decisamente diversa dalle precedenti, sarà sottolineata anche dalla scenografia: “una sorta di grande auditorium, una sala da concerto avveniristica”, svela il direttore artistico, aggiungendo scherzosamente “potrà essere utilizzata anche nel 2028… “.

Per quanto riguarda invece gli attesissimi ospiti, qualcuno dei quali già annunciato dal profilo Instagram dello stesso direttore artistico, arriva la conferma di Fiorello, che vorrebbe partecipare “in veste di scalda-pubblico”, sottolinea Baglioni.

Confermati anche Biagio Antonacci, Gianna Nannini, Sting che, con Shaggy, renderà omaggio alla musica nostrana cantando in italiano, e ancora James Taylor che duetterà invece con Giorgia. Nella serata di venerdì, annunciato poi il premio alla carriera a Milva.

A rischio invece la partecipazione di Laura Pausini che, sempre secondo quanto dichiarato da Claudio Baglioni in conferenza, avrebbe “una laringite in atto ma farà di tutto per esserci”.

Michelle Hunziker, che ricorda davanti alla sala stampa il Festival di 11 anni fa accanto a Pippo Baudo, raccoglie invece l’invito del sindaco di Sanremo, indossando come spilla un ranuncolo, simbolo della lotta contro la violenza sulle donne, un tema che, con ogni probabilità, verrà portato anche sul palco dell’Ariston.

La butta sul ridere invece Pierfrancesco Favino, l’altro compagno di viaggio di Claudio Baglioni, che parla di un’esperienza elettrizzante e di un’atmosfera da Nazioni Unite. “Avrò nostalgia di Sanremo”, scherza l’attore, “quando, da lunedì prossimo torneranno tutti a trattarmi male”.

A fargli da spalla, però, saranno in qualità di ospiti anche gli attori del cast di A casa tutti bene, il nuovo film di Muccino, in cui recita lo stesso Favino, che uscirà nelle sale il 14 febbraio. E adesso non ci resta che aspettare che si apra, ufficialmente, il sipario.