Sara Tommasi è tornata con Alfonso Luigi Marra e annuncia un video contro il signoraggio bancario insieme con il leader dell’UDC Pier Ferdinando Casini. La soubrette, che in questi giorni è stata messa al centro del gossip che riguarda Belen Rodriguez e Fabrizio Corona, ha rilasciato a Oggi una nuova videointervista.

Tuttavia, l’impressione che si ha sempre di Sara Tommasi è che abbia le idee un po’ confuse: naturalmente, adesso sembra felice di essersi rimessa con il suo uomo, e sogna una famiglia con un bambino, ma nel discorso non mancano accenni a politica ed economia, il tutto espresso in maniera piuttosto confusionaria. E chissà se davvero Pier Ferdinando Casini presterà il suo volto alla lotta contro il signoraggio bancario.

Galleria di immagini: Sara Tommasi

Sara Tommasi ha raccontato:

«Faccio un appello a Marra: Alla veneranda età di 30 anni tutto quello che sogno è una famiglia felice, il matrimonio e un figlio, come tutte le ragazze italiane. In un uomo cerco fedeltà, voglia di vivere e creatività. Sono molto innamorata del mio avvocato Marra e mi sono riavvicinata a lui grazie alla preghiera e alla fede. Sono andata molte volte in chiesa e ho pregato affinché Gino tornasse da me e da brava cattolica, quale sono, credo che questo ha funzionato. Presto farò un video con l’aiuto di Pier Ferdinando Casini e io mostrerò, come sempre, la mia forza e la mia grinta per combattere il signoraggio bancario. Alle prossime elezioni, se ci saranno, io voto a presidente della Repubblica solo il nostro mitico Silvio Berlusconi.»

Dagli stralci di quest’intervista appare evidente come la Tommasi sia confusa, in campo religioso (la preghiera non è una merce di scambio, come tutti i cattolici praticanti sapranno), in campo grammaticale (i congiuntivi servono ogni tanto e la parola “veneranda” ha un senso che non è quello usato dalla Tommasi), e infine anche in campo politico. Quando si frequenta la scuola media, tutti i ragazzini imparano in Educazione Civica come il presidente della Repubblica non possa essere eletto dal popolo, ma dalle camere.

Fonte: Excite.