Il caldo, la conseguente stanchezza e spossatezza possono creare qualche problema alle donne in gravidanza. Ma, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Psychology & Health e condotto da Anca Gaston e Harry Prapavessis della University of Western Ontario (Canada), l’esercizio fisico può contribuire a ridurre la sensazione di affaticamento e può migliorare l’umore.

I ricercatori hanno coinvolto un gruppo di future mamme, proponendogli un programma di allenamento di 4 settimane. I risultati sono davvero notevoli: durante le diverse fasi di studio i livelli di fatica percepiti diminuivano e l’umore migliorava.

Le donne in gravidanza, dunque, dovrebbero essere incoraggiate a svolgere regolarmente un po’ di attività fisica per ottenere benefici psicologici e fisici. Ma anche per salvaguardare la salute del nascituro, che potrebbe andare incontro a una bassa crescita ponderale, rischiare un parto prematuro o avere una scarsa propensione all’allattamento al seno.

Secondo Anca Gaston e Harry Prapavessis, inoltre, i figli di donne che hanno avuto problemi di ansia o depressione in gravidanza hanno più alti livelli di cortisolo (ormone dello stress) durante la primissima infanzia e l’adolescenza, e rischiano maggiormente di incorrere nello sviluppo di disturbi mentali.