Il paracetamolo è il principio attivo della Tachipirina, appartenente alla classe dei FANS (Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei). Questo è uno dei pochi farmaci che può essere assunto in gravidanza senza problemi o particolari controindicazioni. Ma, contrariamente agli altri farmaci di questa categoria, non risulta dannoso per la mucosa gastrica, e può essere assunto anche a stomaco vuoto.

Non ci sono controindicazioni se assunto contemporaneamente con gli altri farmaci, sia in gravidanza che in allattamento. I dosaggi minimi efficaci sono : 500mg per via orale o 1000mg per via rettale, rispettando intervalli di 4-6 ore fra le somministrazioni per ottenere un effetto antidolorifico.

Anche indicato in caso di febbre e sintomi influenzali, cefalee, nevralgie, dolori post operatori, presa sempre sotto consiglio del medico curante. L’uso della Tachipirina durante la gravidanza non sembra poi rappresentare alcun pericolo per il cervello del bambino che si sta sviluppando.

Il sovradosaggio può causare danni al fegato, ai reni ed anemia. È anche stato dimostrato che causa questi stessi problemi nel neonato, quindi è fondamentale non assumerlo in dosi maggiori rispetto a quelle consigliate.

photo credit: [myki] via photopin cc