The Apprentice: alla nona settimana del programma, il Boss Flavio Briatore ha deciso quali saranno i due concorrenti finalisti che dovranno contendersi lo stipendio a 6 cifre come manager alla holding Billionaire Life. Si tratta di Francesco Menegazzo e Matteo Gatti.

Dopo aver lasciato il loft di The Apprentice, i 4 candidati hanno dovuto affrontare un vero e proprio colloquio di lavoro con cinque tra i più importanti manager italiani: Gianluigi Cimmino, fondatore e Amministratore Delegato di Carpisa e Yamamay, il Senior Advisor di Accenture Arturo Artom, Ugo Parodi Giusino di Mosaicoon e la coppia di headhunter composta da Massimo Rosa presidente italiano del Worldwide Executive Search Network e Daniela Gelmi, vicepresidente italiana per Mercuri Urval.

Galleria di immagini: The Apprentice

Alberto Belloni è stato il primo concorrente eliminato durante la puntata. Probabilmente ha peccato di presunzione essendo troppo sicuro di sé. I cinque intervistatori hanno cercato di capire come mai avesse ceduto la sua attività molto redditizia a soli 26 anni: secondo il Boss Flavio Briatore, Alberto non aveva abbastanza passione.

Ciò che davvero colpisce i selezionatori è la scarsa cultura di Alberto: Daniela Gelmi ha infatti giudicato completamente negativo il curriculum del candidato, rilevando addirittura vistosi errori grammaticali all’interno del documento. Non esistono giustificazioni per una tale mancanza e nessuna delle scuse inventate da Alberto è riuscita a convincere gli headhunters.

Il curriculum di Silvia Fazzini non è bastato a convincere gli intervistatori di Flavio Briatore: la mancanza di esperienza è stata per lei fatale e le è costata l’eliminazione dal programma. La sua cultura e la conoscenza delle lingue non sono stati elementi sufficienti per arrivare alla boardroom finale.

Nonostante sia stato uno scelto dal Boss come finalista per la prossima puntata, gli intervistatori avevano qualche dubbio su Matteo Gatti. Il problema principale è la mancata conoscenza della lingua inglese, indispensabile per lavorare in holding come quella di Flavio Briatore. Ma Arturo Artom e Gianluigi Cimmino sono convinti che questa lacuna possa essere colmata facilmente con un breve viaggio a Londra.

Infine, Francesco Menegazzo è stato giudicato dagli intervistatori come il concorrente più completo e più “cattivo” in assoluto: a causa di esperienze negative vissute in passato, Francesco è diventato freddo e calcolatore, negli affari come nella vita. Per questo, secondo Daniela Gelmi e Massimo Rosa, il concorrente dovrebbe prima affrontare e risolvere i suoi problemi e poi dedicarsi anima e corpo al lavoro. Chi vincerà il programma, diventando a tutti gli effetti un dipendente del Boss con uno stipendio a 6 cifre?