Kevin Costner sabato è stato tra gli amici e colleghi e salutare e ricordare Whitney Houston. L’attore aveva lavorato con la diva nella pellicola “The Bodyguard”, uno dei più grandi successi nella carriera di entrambi, e durante il suo discorso di addio ha parlato anche di come il film abbia dovuto affrontare degli ostacoli.

Kevin Costner e Whitney Houston con la loro storia d’amore tra un uomo bianco e una donna di colore in “The Bodyguard” rappresentavano infatti qualcosa di scandaloso per il cinema del periodo. Il film, girato nel 1992 da Mick Jackson, ha avuto quindi una complessa gestazione produttiva, prima di arrivare con grande successo nelle sale di tutto il mondo.

Galleria di immagini: Kevin Costner e Whitney Houston: le immagini

Nel corso della funzione religiosa che si è tenuta presso la chiesa battista New Hope di Westfield, nel New Jersey, Costner ha rivelato un retroscena inedito legato al film Guardia del corpo – The Bodyguard:

«Le bandiere rosse (da parte dei produttori del film) sono state tirate fuori immediatamente. Forse dovremmo pensarci su un attimo. Potremmo pensare di ingaggiare un’altra cantante, era un suggerimento. Magari qualcuna bianca. Nessuno l’ha mai detto ad alta voce, ma era un chiaro dubbio. Io ho detto a tutti che avevo preso atto del fatto che Whitney fosse nera. L’unica questione era che pensavo fosse perfetta per ciò che stavamo provando a fare.»

Il film “The Bodyguard”, girato 20 anni fa, con il suo amore tra un uomo bianco e una donna nera è riuscito così a vincere i pregiudizi razziali e i dubbi sollevati dalla produzione anche grazie al sostegno di Kevin Costner, che ha contribuito alla scelta, poi rivelatasi azzeccatissima, della compianta Whitney Houston.

Fonte: HollywoodLife