Il Festival di Berlino si fa piccante: sono stati presentati ben due film storico-biografici sull’industria del porno, The Look of Love e Lovelace.

The Look of Love riporta il regista inglese Michael Winterbottom al Festival di Berlino. L’autore stavolta si è misurato con la vicenda biografica, fatta di eccessi e dolori, di un magnate dell’erotico inglese, Paul Raymond.

=> Scopri il cast di Lovelace

Galleria di immagini: Berlinale

Steve Coogan interpreta Raymond, soprannominato il Re di Soho: iniziò la sua carriera negli anni Cinquanta e rivoluzionò l’industria pornografica inglese, riuscendo a costruirsi un vero e proprio impero. Tra night club e immobili di vario tipo, spettacoli osé e, talvolta, sconfinanti nell’osceno, Raymond ha posseduto quasi l’intero quartiere di Soho; nonostante questo, Winterbottom ha messo ben in evidenza l’aspetto esistenziale del personaggio che, abbandonato dal padre, per tutta la sua vita non ha fatto che voltare le spalle agli affetti più grandi e rimanere solo, fino alla tragica morte per overdose della figlia Debbie, probabilmente condotta sulla via della droga dallo stesso padre.

Alla Berlinale fa la sua comparsa anche il film Lovelace, biopic sulla prima pornostar della storia, cioè Linda Boreman, meglio nota come Gola Profonda. Il film vuole essere un’analisi della vita dell’attrice, ma anche dell’industria del porno a tutto tondo: tra gli attori, James Franco, che interpreta il padre di Playboy Hugh Hefner.

>>Scopri Matt Demon a Berlino

Il Festival di Berlino, infine, vanta anche un altro film alle prese con l’erotismo: è Don Jon’s Addiction, primo film dietro la macchina da presa per Joseph Gordon-Lewitt; il neo-regista interpreta anche il ruolo del protagonista, un ragazzo totalmente preda del sesso e del porno. La protagonista femminile che dà filo da torcere al giovane Jon è Scarlett Johansson.