Quando il caldo avanza è il momento di correre ai ripari: chi non ha o non ama particolarmente il condizionatore acquista di norma i ventilatori, alternativa economica, ecologica ma anche più sana rispetto all’aria condizionata, visto che la temperatura della stanza e del corpo viene abbassata in maniera naturale.

In commercio esistono numerosi modelli di ventilatore, e la scelta dipende in parte dall’estetica, in parte dall’uso che se ne vuole fare (se per esempio è importante che sia maneggevole per spostarlo da una stanza all’altra), ma soprattutto dalla grandezza dell’ambiente che si vuole rinfrescare.

Galleria di immagini: Ventilatori, le proposte sul mercato

Vediamo i vari modelli di ventilatore disponibili sul mercato tra cui scegliere grazie a una semplice e piccola guida pratica.

  • Ventilatore da tavolo. Il ventilatore da tavolo, pratico e leggero, di solito oscillante, direzionabile e a più velocità, vede la sua più grande qualità nel fatto che può essere spostato facilmente e utilizzato per fare aria mentre cuciniamo, stiriamo, siamo al pc, mangiamo etc. Certo, la zona che rinfresca è piuttosto limitata.
  • Ventilatore a soffitto. I moderni ventilatori a soffitto sono di solito compresi di lampadario, quindi non solo creano un movimento di aria molto ampio, che rinfresca tutta la stanza, ma hanno doppia funzione e arredano. Ovviamente non possono essere spostati, inoltre l’istallazione deve essere effettuata da personale specializzato.
  • Ventilatore a piantana. Il ventilatore a piantana con varie velocità è forse il modello più diffuso: nel corpo simile a quello da tavolo, cioè composto da motore, pala e griglia protettiva, è però di solito di diametro più ampio e posizionato su una piantana, che gli consente di muovere l’aria anche in alto, ad altezza d’uomo o più sopra, se è del tipo che può essere orientato in varie direzioni. Di solito è piuttosto leggero e si può spostare da una stanza all’altra.
  • Ventilatore a colonna. I ventilatori a colonna sono tra le novità degli ultimi anni, scelti soprattutto per la loro estetica gradevole, per le funzioni accessorie come il timer e per la facilità di spostarli grazie a una pratica maniglia. La colonna può restare fissa o roteare per spostare l’aria a varie velocità, ma il suo raggio d’azione parte da terra e non può essere diretto in alto, dunque risulta un po’ limitato.
  • Ventilatore da terra. Il ventilatore da terra con cavalletto è di solito una scelta puramente estetica: se è vero che nella maggior parte dei modelli ha un diametro molto ampio, è anche vero che – fisso e posizionato sul pavimento come è di solito seppur reclinato – il suo raggio non è particolarmente ampio. Tuttavia la sua estetica accattivante, leggermente retro e dal sapore industrial, lo rende sempre più diffuso.
  • Ventilatore senza pale. Si tratta della vera novità del settore, perfetta per chi non vuole solo un ventilatore in casa ma anche un oggetto di design. Dall’aspetto minimal e futuristico, in questo modello l’aria è aspirata e restituita a una velocità anche 15 volte maggiore rispetto a quella dei ventilatori comuni attraverso l’anello e le sue feritoie. Al di là di estetica e tecnologia, uno dei vantaggi, se si hanno piccoli in casa, è che non è assolutamente pericoloso come potrebbero esserlo le pale se non perfettamente custodite dalla griglia.