Un altro attore della giovane Hollywood ha deciso di fare coming out: stiamo parlando di Zachary Quinto, l’attore noto per aver interpretato Spock nell’ultimo capitolo della lunghissima saga di Star Trek.

E lo fa nel modo più naturale possibile in un’intervista per il New York Magazine, dove parla del suo ruolo in “Angels in America“ ma anche di crisi economica e del movimento internazionale degli indignati.

Galleria di immagini: Zachary Quinto

«Recitare questa parte mi ha permesso di realizzare quanto io sia fortunato ad essere nato dove sono nato. E di non dover testimoniare la decimazione di un’intera generazione di uomini straordinariamente talentuosi e vitali. Allo stesso tempo, da uomo gay, credo che ci sia ancora molto da fare.»

L’omosessualità di Zachary Quinto, cui curriculum è composto anche da serie TV di grande successo come “Heroes”, “Crossing Jordan” e “CSI”, è da molto tempo oggetto di dibattito delle testate di gossip, soprattutto a stelle e strisce. In particolare, spesso si è ipotizzato che il giovane non volesse rivelare le proprie tendenze per non perdere credibilità per alcuni ruoli d’azione cui aspirava, motivazione quest’ultima tuttavia mai addotta né motivata dall’attore.

Sempre sulle riviste rosa, ma anche sui social network e sui forum della Rete, vere e proprie battaglie si sono sollevate tra appassionati e detrattori, in particolare sull’aspetto fisico di Quinto.

Per alcuni, il fatto che l’attore si mostrasse orgogliosamente con barba incolta, sopracciglia importanti e petto villoso, era un segno inequivocabile della sua eterosessualità. Per altri, invece, le stesse caratteristiche indicavano l’evidente omosessualità di Zachary, il quale avrebbe scelto un look più mascolino per stringere l’occhio alla comunità ursina. Tutte illazioni che lasciano il tempo che trovano e che, di certo, non aggiungono nulla all’importante traguardo del coming out: non importa quale sia l’aspetto di Quinto e a quali correnti di pensiero omosessuale si senta più affine, quello che ha davvero importanza è che un attore amato dal pubblico può, con il suo gesto di sincerità, essere d’esempio per chi lo ammira.

Fonte: New York Magazine, Hollywood Life.