Cosa fare a Roma nel weekend del 26-28 ottobre

Festival, mostre, teatro e danza: la consueta selezione degli eventi da segnare in agenda per organizzare il fine settimana.

Aggiornato il 8 maggio 2019

Si prospetta un weekend di pioggia a Roma dal 26 al 28 ottobre, ma vento e temporali non fermeranno le tante iniziative culturali del fine settimana. Proseguono gli appuntamenti con il teatro, l’arte e la danza di RomaEuropaFestival 2018, mentre volgono al termine le due rassegne che hanno accompagnato i romani per 10 giorni, la Festa del Cinema di Roma e la prima edizione di Videocittà.

Non si spengono però i riflettori all’Auditorium Parco della Musica, pronto a ripartire con la consueta programmazione musicale a cui dà il nuovo avvio il leggendario Ben Harper. E se la cultura non fa per voi, mercatini e locali sono a disposizione per un weekend di shopping e degustazioni. Pronti con carta e penna: ecco la selezione della redazione delle 10 cose da fare a Roma nel weekend e una proposta “fuori porta”.

Picasso alla Galleria Borghese

Si è inaugurata martedì 23 ottobre la prima mostra in Italia dedicata al Picasso scultore, che vuole proseguire il lavoro di indagine sul concetto di scultura che il Museo della Galleria Borghese sta portando avanti da molti anni attraverso maestri di secoli diversi. Pensata come un viaggio attraverso i secoli, seguendo il filo cronologico dell’interpretazione plastica delle forme, l’esposizione presenta 55 capolavori del grande maestro realizzati dal 1902 al 1961, fotografie di atelier inedite e video che raccontano il contesto in cui le sculture sono nate.
Piazzale Scipione Borghese. Dalle 9 alle 19. Biglietti da 20 a 13,50 euro.

Pablo Picasso, Donna seduta, 1931 (Courtesy Press Office © RMN-Grand Palais (Musée national Picasso-Paris) / Bèatrice Hatala)

Ben Harper all’Auditorium Parco della Musica

La Sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica ospita il ritorno in Italia di Ben Harper, uno degli autori e performer più incisivi e influenti di sempre, in grado di trascendere i generi musicali e parlare di temi personali così come di argomenti politici. Tour sold-out in tutto il globo, dischi volati direttamente nelle top10 delle classifiche statunitensi, certificazioni Oro e Platino in tutto il mondo e performance incredibili hanno fatto di lui e della sua band delle vere e proprie superstar mondiali.
Via Pietro De Coubertin, 30. Ore 21. Biglietti da 50 a 65 euro + d.p.

Ben Harper (Photo by Jason Kempin/Getty Images for Tibet House US)

Tango Glaciale Reloaded al Vascello

Fino al 28 ottobre, in occasione di RomaEuropa Festival 2018, il Teatro Vascello ospita Tango Glaciale Reloaded nuovo allestimento, a cura di Raffaele di Florio e Anna Redi, del celebre spettacolo di Mario Martone del 1982: dopo più di 40 anni si ha così la possibilità non solo di assaporare la bellezza di quel tassello fondamentale della scena teatrale italiana, ma anche di mettere lo spettacolo stesso alla prova di una nuova generazione, connettendo linguaggi e sentimenti sociali differenti. Sul palco, Jozef Gjura, Giulia Odetto e Filippo Porro.
Via Giacinto Carini, 78. Venerdì e sabato ore 21. Domenica ore 17. Biglietti da 30 a 22 euro.

Tango Glaciale Reloaded (Courtesy Press Office)

László Bordos al Palazzo della Civiltà

Solid Light Festival, grazie a Videocittà e al supporto di Fendi, è riuscito a portare a Roma László  Bordos, uno dei pionieri del Videomapping, che sabato realizza sulla facciata del Palazzo della Civiltà Italiana all’Eur l’opera site specific Lux Formae, uno spettacolo di mapping e di luci tra i più grandi mai realizzati in Italia. Durante il processo creativo, l’artista costruisce una replica virtuale esatta del mondo fisico e lo usa per produrre il livello creativo dell’opera proiettando, infine, quel contenuto sulla reale forma spaziale. L’interazione che deriva dalla combinazione dei due componenti si traduce in esperienze visive nuove, spesso sorprendenti per lo spettatore, che Bordos migliora ulteriormente giocando con diverse qualità di luce.

Quadrato della Concordia, 3. Dalle 20 alle 24. Ingresso gratuito.

Render di Laszlo Bordos e Solid Light (Courtesy Press Office)

Barry Lyndon all’Argentina

Al Teatro Argentina, Giancarlo Sepe, maestro dell’avanguardia italiana anni Settanta, porta in scena Barry Lyndon, trasposizione del romanzo di William Makepeace Thackeray, dal quale Stanley Kubrick ha tratto uno dei suoi capolavori: una lezione “sull’arte della vita”, prendendo a pretesto il protagonista dell’opera che, da povero a ricco aristocratico, subisce la scalata sociale alle soglie della Rivoluzione Francese: un classico della letteratura diventa il mezzo per parlare ad un pubblico contemporaneo attraverso una storia di caduta, una favola all’incontrario.
Largo Argentina, 52. Venerdì ore 21; sabato ore 19; domenica ore 17. Biglietti da 40 a 12 euro.

Barry Lyndon (Courtesy Press Office ©Salvatore Pastore)

Marcello Mastroianni all’Ara Pacis

Il Museo dell’Ara Pacis ospita fino al 17 febbraio la mostra Mastroianni, a cura di Gian Luca Farinelli: attraverso i ritratti più belli, i cimeli e le tracce di film e spettacoli teatrali, le immagini e i racconti si raccontano la carriera e la vita dell’attore, dal successo delle sue interpretazioni cinematografiche al suo percorso meno noto sui palcoscenici. L’esposizione ripercorre gli esordi con Riccardo Freda nel 1948 e la collaborazione con Federico Fellini, di cui diventò un vero e proprio alter ego, fino ai lavori più attuali: più di cento film tra gli anni ’40 e la fine dei ’90 e molti riconoscimenti internazionali (3 candidature all’Oscar come Miglior Attore, 2 Golden Globe, 8 David di Donatello, 2 premi per la migliore interpretazione maschile al Festival di Cannes e due Coppa Volpi al Festival di Venezia).
Lungotevere in Augusta. Dalle 9.30 alle 19.30. Biglietti da 15 a 4 euro.

Marcello Mastroianni in Break up – L’uomo dei cinque palloni di Marco Ferreri (Courtesy Press Office)

Shirin Neshat al MAXXI

L’Auditorium del MAXXI, in occasione di Videocittà, ospita sabato Looking For Oum Kulthum, un film di Shirin Neshat, artista iraniana Leone d’Argento: nel suo raffinato lavoro artistico e fotografico, la Neshat da sempre esplora e sottolinea i conflitti di genere e le difficili condizioni sociali delle donne all’interno del mondo islamico. Il mondo femminile, con i suoi drammi, le sue battaglie e la sua innegabile e drammatica bellezza ritorna al centro della sua ricerca attraverso la figura della leggendaria cantante egiziana Oum Kulthum.
Via Guido Reni 4/A. Alle ore 18.30. Ingresso gratuito.

Looking For Oum Kulthum (Courtesy Press Office ©RazorFilm)

Omaggio a Woody Allen alla Casa del Jazz

Evento collaterale della Festa del Cinema, per Il Magico accordo: Cinema e Jazz, a cura di Mario Sesti e Luciano Linzi, nella serata dedicata a Woody Allen, sabato Lino Patruno alla Casa del Jazz racconta quelli che sono i più interessanti e creativi incontri tra il cinema e il jazz, offrendo a spettatori e appassionati tracce e suggestioni e forse risposte a queste domande.
Viale di Porta Ardeatina, 55. Alle ore 21. Biglietto 8 euro.

Woody Allen (Photo Getty Images)

Assoluto a Testaccio

A Testaccio,  Maurizio Valentini ha deciso di aprire Assoluto, una nuova attività da forno con somministrazione al banco e laboratorio a vista.  Postazioni per la degustazione fai-da-te dei prodotti appositamente studiate e personalizzate in maniera da rendere piacevole la sosta. Piccoli cassetti con la posateria sotto i banchi da consumazione richiamano l’atto casalingo di preparare la tavola restituendo un’atmosfera conviviale e di estrema praticità. Corner dedicati alle eccellenze alimentari italiane, come olio extravergine d’oliva, passate di pomodoro, pasta – sott’olio, confetture e merende.
Via Galvani, 35. Venerdì e sabato dalle 7.30 alle 23.

Forno Assoluto (Courtesy Press Office)

Mostra Mercato a Prati

Per i nostalgici dei vecchi mercatini di Roma dal respiro europeo, ogni quarta domenica del mese Piazza dei Quiriti si trasforma in un luogo animato, ricco di merce pregiata, come le porcellane di Herend, collezioni di orologi antichi e da collezionismo, grammofoni, stampe, quadri, libri antichi e d’epoca. Non mancano gli artigiani che con le loro creazioni cercheranno di attrarre e stupire i visitatori in cerca di novità e originalità e un settore dedicato al vintage e al brocantage, oltre alla presenza di pittori contemporanei.
Piazza dei Quiriti. Dalle 9 alle 19.30. Ingresso libero.

Bancarella di antichità (Photo by iStock)

Assalto al Castello di Bracciano

Sabato è possibile esplorare il Castello Odescalchi di Bracciano, entrando nei luoghi normalmente chiusi al pubblico, come la cisterna e le grotte sotterranee. Allo stesso tempo, si può partecipare a un gioco di strategia in cui i partecipanti, divisi in squadre, potranno sfidarsi con frecce e arco e mettersi alla prova in arrampicata sui torrioni del castello. Al termine della mattinata, all’interno di una delle sale più belle del castello, i partecipanti possono gustare un buffet regale rigorosamente a chilometro zero. Per iscriversi basta collegarsi al sito www.aceaconte.it e inserire i dati richiesti; una volta iscritti, per guadagnare punti bastano semplici gesti come condividere l’iscrizione sui propri profili social, creare un avatar o attivare servizi web come la domiciliazione della bolletta o la ricezione della bolletta elettronica.
www.aceaconte.it.

Assalto al Castello (Courtesy Press Office)

Articolo originale pubblicato il 26 ottobre 2018

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Cosa fare nel weekend