Ecco perché la principessa Charlotte non porta mai i pantaloni

La secondogenita del principe William e di Kate Middleton non indossa mai abiti che non siano femminili e c'è una ragione ben precisa.

Pubblicato il 1 agosto 2018

Anche per la principessa Charlotte esistono regole precise di etichetta in fatto di abiti reali. Se è vero che suo fratello il principe George non potrà indossare i pantaloni lunghi fino al compimento degli otto anni, questa rigida imposizione di stile sembra debba essere rispettata anche dalla secondogenita del principe William e di Kate Middleton.

La principessa Charlotte, tre anni, raramente viene immortalata in outfit che non siano femminili, perché da protocollo indossare i pantaloni è considerato troppo borghese e provinciale e, per questo, lei può indossare soltanto vestiti e gonne. Tuttavia, c’è anche un’altra ragione precisa per cui la piccola sfoggia sempre abitini molto “dolci”: mamma Kate, infatti, ha deciso che sua figlia sarà sempre fotografata in abiti classici, un po’ perché spesso lo richiede la formalità degli eventi, un po’ perché, in questo modo, gli scatti che poi faranno il giro del mondo risulteranno sempre senza tempo.

Gli abitini a stampa floreale o in tartan, i cardigan color pastello o i golfini di Shetland, cui è tanto affezionata e che ama anche la regina Elisabetta, danno infatti a Charlotte un look completamente classico, ed è per questo che il risultato sarà senza tempo, visto che renderà impossibile datare una specifica foto o collegarla a un certo periodo dettato dalla moda. Questo piccolo escamotage, quindi, renderà impossibile inserire le foto in un contesto che nel tempo risulterà obsoleto. Come per le grandi star, insomma, anche per Charlotte è proprio vero che “il classico non muore mai”.

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Reali d'Inghilterra