Il sacrificio del cervo sacro: la recensione del film con Nicole Kidman

Ecco perché non perdere il nuovo lungometraggio di Yorgos Lanthimos, al cinema dal 28 giugno.

Dopo l’inquietante The Lobster, Yorgos Lanthimos firma un thriller psicologico orchestrato come una tragedia greca: Il sacrificio del cervo sacro, con Nicole Kidman e Colin Farrell arriva finalmente al cinema in Italia dopo la presentazione al Festival di Cannes 2017, dove ha vinto la palma per la migliore sceneggiatura.

(courtesy press office)

La recensione del film

Toglie il fiato il nuovo film di Yorgos Lanthimos, regista greco molto amato sulla Croisette che torna con un secondo lungometraggio in lingua inglese. Ancora una volta protagonista Colin Farrell che, svestiti i panni dell’architetto single nel dispotico The Lobster, interpreta un affermato cardiochirurgo. Se nella prova precedente, Lanthimos si soffermava su una riflessione riguardo all’amore (cieco nel migliore dei casi…), stavolta a interessare è il concetto di responsabilità: nella moderna tragedia greca, costellata di riferimenti a quella antica, è la non assunzione di colpa del protagonista a innescare la punizione nei suoi confronti per interposte persone, quelle che più ama.

Steven ha una moglie bellissima, Anna, e due figli altrettanto belli e sani, Kim e Bob. Un rapporto, di natura ignota, lo lega però a un ragazzo di cui nessuno conosce l’esistenza: il sedicenne Martin. Presentarlo al resto della famiglia darà inizio a eventi sempre più strani e pericolosi, che progressivamente metteranno in subbuglio tutto il mondo di Steven, costringendolo a compiere un sacrificio per non correre il rischio di perdere tutto. Anche nel gesto più estremo, però, lascerà che il caso sciolga la decisione definitiva.

Al limite del grottesco, il regista conduce lo spettatore in un gorgo sempre più angosciante e senza scampo, attraverso campi lunghi e lenti movimenti di macchina, una colonna sonora a tratti disturbante e una fotografia cristallina: sono gli stessi dialoghi, che spesso paiono usciti da una pagina di Ionesco, a suggerire come Steven, il pater familias di un’istituzione in disfacimento e sempre più rarefatta, possa essere un novello Agamennone, costretto tuttavia al sommo sacrificio.

È un percorso faticoso quello che viene richiesto alla platea nelle quasi due ore di film, dove non mancano sangue, violenza fisica e psicologica: non per tutti – alla fine – ci sarà un premio; per molti invece, il nero profondo con cui si chiude, esattamente come in The Lobster, getterà in un’angoscia difficile a dissiparsi.

Galleria di immagini: Il sacrificio del cervo sacro, la gallery del film

Uscita in Italia

Il sacrificio del cervo sacro di Yorgos Lanthimos, con Nicole Kidman e Colin Farrell, esce in Italia giovedì 28 giugno, distribuito da Lucky Red.
Visualizza questo contenuto su

Credits foto: