Kasia Smutniak vestito da sposa Stella McCartney per le nozze con Procacci

L'attrice e il produttore hanno sorpreso tutti con un rito civile durante la festa dei 40 anni di lei.

News

Kasia Smutniak ha scelto un abito da sposa di Stella McCartney per unirsi in matrimonio in gran segreto a Domenico Procacci, con un party di nozze per pochi invitati.

Un vero colpo di scena per gli ospiti, vip e non, che credevano di festeggiare il quarantesimo compleanno dell’attrice. La coppia sta insieme da 7 anni, dopo la grave perdita di Kasia del compagno e padre di sua figlia, Pietro Taricone (scomparso nel giugno del 2010).

Kasia Smutniack ha deliziato tutti gli invitati nel suo splendido vestito nuziale firmato Stella McCartney. L’abito, realizzato in seta, color avorio, con inserti in pizzo, proviene dalla collezione Womenswear della stilista inglese.

Kasia Smutniak e Domenico Procacci sposi
Le nozze di Kasia Smutniak (foto gossipposo su Instagram)

Un look boho-chic, come quello scelto da Carolina Crescentini per le sue nozze la scorsa settimana. Scalza, con coroncina di fiori in testa e al suo fianco i due figli, Sophie, 15 anni, avuta da Pietro Taricone, e Leone, 5 anni, avuto da Procacci, è una sposa davvero romantica.

Tra gli ospiti volti noti e non. Occhi puntati sui più celebri: Luciano Ligabue, lo scrittore Sandro Veronesi, che ha celebrato il rito civile, e il regista Ferzan Ozpetek, testimone della sposa. Le nozze si sono celebrate a Formello, nella campagna alle porte di Roma, dove gli sposi vivono nella villa che Kasia aveva comprato con Taricone.

La coppia non è certo la prima a pensare a una sorpresa del genere per gli invitati. Nell’agosto 2015 Jennifer Aniston e Justin Theroux avevano invitato amici e parenti per i 44 anni dell’attore, e si era invece sposati davanti a tutti loro.

Solo due foto al momento sono arrivate sul web da questa piccola e privata cerimonia. Il regalo di nozze? L’attrice e il produttore hanno chiesto donazioni per la raccolta fondi per la scuola che Kasia ha aperto in Nepal con la Pietro Taricone Onlus.