Letizia Ortiz a Roma in Carolina Herrera per la conferenza Fao

La regina di Spagna, in Italia per la Giornata Mondiale dell'Alimentazione, spicca in un tubino rosso che ricorda molto quello indossato da Kate Middleton al matrimonio di Eugenie.

La Regina di Spagna Letizia Ortiz è stata ospite a Roma della conferenza Fao in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione, e ha tenuto un discorso, in un abito rosso firmato Carolina Herrera.

Letizia Ortiz, tra le madrine della conferenza, e uno dei rappresentanti di spicco della Fao, ha partecipato anche quest’anno come di consueto all’evento per la Giornata Mondiale dell’Alimentazione, tenendo un importante intervento sulla malnutrizione.

Dopo averla vista elegantissima, nell’abito blu notte di DelPozo, in Francia alla cena con i Macron, e impeccabile nei giorni scorsi alla parata della Festa Nazionale Spagnola a Madrid, in un completo firmato Felipe Varela, accanto alle sue figlie Leonor e Sofia, Letizia Ortiz è volata a Roma con il Re di Spagna Felipe, e dopo alcuni impegni congiunti, la Regina ha preso parteda sola alla conferenza Fao, in un tubino rosso a maniche lunghe, tendente al fucsia, firmato Carolina Herrera, che a molti ha ricordato, per la tonalità, l’abito Alexander McQueen indossato da Kate Middleton al matrimonio della principessa Eugenie di York.

Kate Middleton alle nozze della principessa Eugenie (Adrian Dennis – WPA Pool/Getty Images)

Il look della Regina era completato da un paio di sabot color nude firmati Steve Madden, borsa Magrit e un paio di pendenti Gold & Roses Joyas. Capelli raccolti e un trucco leggero hanno messo in risalto la bellezza naturale di Letizia Ortiz.

La Regina di Spagna ha anche visitato a Roma l’Accademia di Spagna, per conoscere come la storica istituzione promuove la cultura spagnola in Italia. L’Accademia, che festeggia quest’anno il suo 145º anniversario, a partire dalla sua fondazione nel 1873, forma e diffonde il lavoro di artisti spagnoli, quali letterati, pittori, sculturi e creativi, nel nostro territorio.

Credits foto: