Quali carboidrati mangiare per dimagrire

Non possono mancare in un’alimentazione sana, ma vanno dosati con parsimonia se si vuole perdere peso: i consigli per mangiare di tutto e dimagrire.

Fitness

Sono lo spauracchio di tutte le persone che iniziano una dieta per perdere peso: ma quali carboidrati mangiare per dimagrire? Una dieta senza carboidrati, che li elimini completamente dal menu quotidiano, infatti, può essere davvero dannosa per la salute, a lungo andare.

Importante, invece, capire su quale tipo di carboidrato puntare e anche quando portarli in tavola. Premesso che chiunque inizi una dieta dimagrante debba chiedere consiglio al proprio medico o, meglio ancora, a uno specialista come un nutrizionista, vediamo a puro scopo informativo di chiarire il rapporto tra carboidrati e dimagrimento, con un esempio di menu.

Cosa sono i carboidrati

Prima di tutto è opportuno conoscere la differenza – basata sulla loro struttura – tra carboidrati semplici e carboidrati complessi. I carboidrati semplici, chiamati anche zuccheri, sono monosaccaridi come glucosio, fruttosio, saccarosio e lattosio. Si trovano nella frutta, nel latte e nello zucchero da cucina. I carboidrati semplici vengono subito assorbiti dall’organismo, forniscono energia immediata ma causano anche un innalzamento della glicemia istantaneo.

I carboidrati complessi sono polisaccaridi come amido (in legumi, tuberi, cereali), fibre (in cereali integrali, frutta e verdura) e glicogeno (nei tessuti muscolari animali). Di digestione più lenta, rilasciano energia nel tempo, innalzano più gradualmente la glicemia e regalano un senso di sazietà ideale.

Quali carboidrati mangiare per dimagrire

In una dieta dimagrante è importante capire quali e quanti carboidrati mangiare, ma anche quando. Prima di tutto sono da preferire i cereali integrali, perché più ricchi di fibre e che danno un senso di sazietà più duraturo. Sì quindi a pasta, pane e pizza integrali. Per lo stesso motivo, oltre che per l’apporto di proteine e nutrienti, via libera ai legumi.

Da evitare lo zucchero da tavola: eliminate i dolci, bevete il tè e le tisane al naturale, mente per il caffè preferite qualche goccia di latte se necessario. Bene anche frutta e verdura, nelle classiche 5 porzioni quotidiane della dieta mediterranea.

Quando mangiare carboidrati per dimagrire? Meglio concentrarli nella prima parte della giornata, quando si ha tutto il tempo di utilizzare le energie che producono. La sera è possibile abbinare al secondo e al contorno una fetta di pane integrale sottile bruscata e fare una volta a settimana un’eccezione godendosi una pizza.

Ecco un menu d’esempio con carboidrati mangiare per dimagrire da seguire almeno per due settimane.

  • Colazione. Caffè o tè, tre fette biscottate integrali con un velo di marmellata e un bicchiere di latte scremato.
  • Spuntino di metà mattina. Un frutto di stagione.
  • Pranzo. Pasta integrale (max 80 g) con verdure o zuppa di legumi e verdure o insalata con misticanza, frutta, frutta secca, yogurt greco e due crostini di pane integrale.
  • Spuntino di metà pomeriggio. Uno yogurt o una manciata di frutta secca.
  • Cena. Un secondo a scelta tra carni magre, pesci magri, formaggi magri, due uova sode o una porzione di legumi, accompagnato da verdure condite con olio extravergine di oliva a crudo e una fettina di pane integrale bruscato. Dopo cena un quadrato di cioccolato fondente almeno al 70% per allietare il palato.

Credits foto: