Quali sono i cibi che combattono la stanchezza

Gli alimenti da mettere in tavola durante un periodo stressante o un cambio di stagione.

Durante un periodo stressante o un cambio di stagione, una dieta corretta può essere un grande aiuto per ritrovare e conservare le energie durante tutta la giornata: ma quali sono i cibi che combattono la stanchezza?

Esistono, infatti, degli alimenti in grado di sostenere la concentrazione e dare energia costante, mantenendo attivo il metabolismo e basso l’apporto di calorie.

Tra tutti i cibi che combattono la stanchezza, ne abbiamo scelti 7 tra superfood, prodotti dell’orto, proteine da mettere sempre in tavola. Ecco quali sono e come inserirli nella dieta.

Dieta contro la stanchezza cronica

In generale, per combattere la stanchezza e assicurare la giusta energia al corpo durante la giornata, l’opzione migliore è una dieta varia ed equilibrata, come la dieta mediterranea. Meglio eliminare gli alimenti preconfezionati, trasformati, industriali, dolci, alcol, salumi, formaggi stagionati e preferire frutta e verdura fresca di stagione, ricca di nutrienti.

Da evitare le abbuffate, dopo le quali come sappiamo ci si sente assonnati e spossati: meglio fare nella giornata 5 pasti contenuti, i classici colazione, pranzo, cena e gli spuntini di metà mattina e metà pomeriggio.

Se cercate nella caffeina un aiuto in più, poi, sappiate che – dopo la prima spinta – fornisce ben poca energia al corpo. Nelle vostre pause giornaliere, invece, puntate su frutta secca e yogurt magro, senza mai dimenticare di bere tanta acqua, almeno un litro e mezzo o due al giorno.

7 cibi che combattono la stanchezza

Ecco quali sono, nel dettaglio, gli alimenti contro la stanchezza da inserire nel menu.

  1. Limone. Il succo di un limone è in grado di fornire il 40% del fabbisogno giornaliero di vitamina C, nonostante un apporto calorico relativamente basso. Un bicchiere di acqua e limone al mattino può aumentare il metabolismo, prevenire i picchi di insulina e fornire abbastanza potassio per migliorare l’attività del cervello e dei nervi.
  2. Semi di chia. I semi di chia forniscono energia stabile a basso contenuto di carboidrati, oltre a regalare un senso di pienezza molto utile per non mangiare troppo ed evitare di appesantirsi prima di tornare al lavoro o di dormire.
  3. Fagioli. Una delle migliori fonti di proteine da mettere in tavola, con nutrienti in grado di fornire energia di lunga durata senza cali, resa stabile dalle fibre.
  4. Spinaci. Il ferro combatte la stanchezza in quanto aiuta i globuli rossi che portano ossigeno nelle diverse parti del corpo. Le verdure a foglia sono considerate l’ideale per una rapida “iniezione” di ferro, e gli spinaci contengono anche magnesio, un minerale importante per il processo energetico del corpo.
  5. Uova. In studio del 2009 l’uovo si è rivelato un alimento prezioso per le persone che si allenano e hanno bisogno di energie extra. Le uova sono anche un’ottima fonte di ferro, proteine, antiossidanti e numerose vitamine, a fronte di poche calorie.
  6. Farina d’avena. Una colazione che combini le giuste quantità di proteine ​​e carboidrati può mantenere energici e concentrati durante tutto il giorno. La farina d’avena integrale ha una delle più alte quantità di fibra solubile: bene l’abbinamento con le proteine di uno yogurt magro e le vitamine di una spremuta d’arancia.
  7. Cioccolato. Diversi studi hanno dimostrato che il cioccolato fondente è un’ottima fonte di antiossidanti, migliora l’umore e la vivacità. Il Reader’s Digest consiglia un quadrato di cioccolato fondente come perfetto dessert che regala energia senza troppe calorie. Importante scegliere, però, quello con almeno il 70% di cacao.

Credits foto: