Vizi da star: da Vanessa Hudgens a Miley Cyrus, da Lindsay Lohan a Amy Winehouse

Il mondo di Hollywood è infestato di dipendenze: da quella del fumo, che ha contagiato Miley Cyrus e Vanessa Hudgens, a quella per alcol e droghe pesanti, con Lindsay Lohan e la tragica Amy Winehouse

Il mondo di Hollywood, ma vale anche per lo showbusiness in generale, è pieno di star con vizi più o meno pericolosi, più o meno scandalosi, o ritenuti tali. Dal fumo, cui sono cadute ultimamente Vanessa Hudgens e Miley Cyrus, che aveva avuto una breve tappa anche con un bong, a quello per alcol e cocaina, vedi Lindsay Lohan e la tragicamente nota Amy Winehouse.

Ovviamente bisogna fare un notevole distinguo, c’è una scala gerarchica tra fumare una sigaretta ed essere alcolizzato, ma nelle reazioni alle volte sembra il contrario. Come quando Vanessa Hudgens è stata paparazzata mentre fumava una sigaretta in macchina con amici. La ragazza evidentemente teneva molto alla segretezza del suo vizietto, tanto da scagliarsi contro il fotografo imprecando e cercando di strappargli la macchina fotografica.

Nessuna reazione spropositata invece ha avuto Miley Cyrus, anche lei beccata a fumare, l’ultima in vacanza con il suo ragazzo Liam Hemsworth sul lago Michigan, quando uscita dall’acqua si è pacificamente accesa una sigaretta. Del resto la ex {#Hannah Montana} ha fatto da tempo un cavallo di battaglia il fatto di volersi allontanare il più possibile dall’immagine troppo fanciullesca che aveva ai tempi della Disney.

E non si era infuriata nemmeno quando avevano iniziato a circolare foto di lei che fumava salvia psichedelica da un bong, salvia considerata sostanza stupefacente ma accidentalmente legale nello stato in cui si trovava in quel momento. Nessuna conseguenza per la giovane star, un paio di scuse e tutto si è risolto. Come quando era stata fotografata in Spagna a bere una birra in discoteca, un caso nazionale negli Stati Uniti, perché al di sotto dei 21 anni legali previsti in USA per consumare alcolici.

Un paio di scuse non saranno invece sufficienti per l’altra reduce da un’infanzia Disney: Lindsay Lohan, che continua a inanellare un errore dietro l’altro, con i suoi vizi che la stanno trascinando sempre più in basso. Tra alcol e cocaina, l’appena 25enne star non accenna a trovare pace. Nonostante gli arresti domiciliari per furto e per aver violato i termini della condizionale, quella per possesso di cocaina che si era beccata un paio di anni fa, ogni volta che mette il naso fuori casa Lindsay si tuffa in party selvaggi a base, almeno, di alcol.

L’scaricata per le sue turbolenze come nel film “Inferno” è sempre più alto.

Una discesa sempre più in basso per una giovane dal grande talento che ricorda da vicino la tristissima fine di Amy Winehouse, i cui vizi erano sotto gli occhi di tutti da anni: da quando la si vedeva per le strade di Londra barcollando tra un pub e l’altro, a quando non si teneva in piedi sul palco dei concerti. Più che vizi erano diventati dipendenze a tutti gli effetti. Che hanno messo da parte il suo enorme talento, la carriera musicale, e che alla fine le sono probabilmente costati la vita.