Hanno un ruolo fondamentale e per questo devono essere scelti con cura: sono i testimoni di nozze, coprotagonisti insieme agli sposi del gran giorno.

In genere vengono scelti nella cerchia dei famigliari o degli amici più stretti e quasi sempre hanno vissuto in prima linea la storia d’amore degli sposi, fin dai suoi esordi.

A loro spetterà custodire le fedi e anche organizzare l’addio al nubilato e celibato dei futuri coniugi. Ma se queste sono ormai tradizioni consolidate, ci sono al contrario alcune cose che la sposa non dovrebbe chiedere ai testimoni di nozze. Quali sono? Eccone almeno 5.

  1. Fedi troppo costose. I testimoni di nozze, dato il ruolo importante che viene richiesto loro di ricoprire durante il matrimonio, in genere fanno agli sposi un regalo speciale. Alcuni, per esempio, si offrono di acquistare le fedi. Un’idea sicuramente bellissima, a patto che la sposa non scelga fedi troppo costose che rischierebbero di mettere in difficoltà i testimoni, specie in caso di amici molto giovani. Se la sposa non vuole sentirsi condizionata nella scelta, potrà sempre suggerire ai testimoni un altro regalo.
  2. Fare da wedding planner. Le testimoni della sposa, dicevamo, hanno il compito di organizzarle anche l’addio al nubilato, supportandola emotivamente fino al grande giorno. La sposa però non deve cadere nell’errore di affidare loro anche l’organizzazione della cerimonia e del ricevimento o di coinvolgerle eccessivamente nei preparativi, a meno che non siano loro a chiederlo. Meglio dunque tener presente che le testimoni scelte sono appunto testimoni e non wedding planner.
  3. Il discorso. Di solito ai testimoni spetta il compito di fare un discorso, durante la cerimonia oppure a fine ricevimento. La cosa deve essere però vissuta con la massima spontaneità, onde evitare forzature e parole poco sincere. Meglio quindi che la sposa eviti di richiedere espressamente un discorso ai testimoni, lasciandoli al contrario liberi di fare quello che sentono.
  4. Fare le foto. Se sono stati scelti come testimoni di nozze, difficilmente riusciranno a immortalare ogni istante del gran giorno. Meglio affidarsi a un fotografo ufficiale ed eventualmente ad amici e parenti con la passione per la fotografia. I testimoni non devono avere altri ruoli all’interno del ricevimento, se non quello di organizzare, qualora lo desiderino, dei giochi spiritosi per gli sposi.
  5. Indicazioni troppo rigide in fatto di look. Buona norma è che l’abbigliamento dei testimoni sia in linea con quello degli sposi, tuttavia non bisogna esagerare con le pretese. Una sposa può dare eventualmente delle indicazioni sulle sfumature di colore da seguire perché risultino in accordo con le tonalità scelte per il matrimonio, ma non deve in alcun modo obbligare le testimoni a vestirsi come vuole lei. Suggerimenti sì, imposizioni no.