La girandola della sfilate di Parigi inizia con un fuori programma seducente: Alberta Ferretti propone, infatti, la sua collezione Limited Edition 2016 pervasa da un’eleganza d’ispirazione marina. Niente righe, blazer e blu navy, però: il mare che fa da fil rouge tra i pezzi presentati è quello profondo e misterioso, con conchiglie d’oro, stelle marine, perle, vegetazione lussureggiante, onde e acqua increspata.

I look parlano un linguaggio davvero universale e il debutto della Ferretti alla Paris Fashion Week è affidato a una donna libera, consapevole di sé, affascinante come una sirena: “Ho esplorato diversi stati d’animo ispirati al mare, che è parte della terra con la sua affascinante fluidità”, ha spiegato Alberta Ferretti. “La scelta di sfilare per la prima volta durante la Haute Couture a Parigi rappresenta un’evoluzione naturale della mia moda. Pur non essendo una collezione di pezzi unici rispecchia il desiderio e la necessità di creare abiti sempre più esclusivi per soddisfare le necessità delle mie clienti più esigenti”.

Galleria di immagini: Alberta Ferretti, la Limited Edition sfila a Parigi

Infatti le sue Limited Edition, nate nel 2011, esprimono una demi couture fatta di preziosi abiti da cocktail e da sera: quella vista ora nelle lussuose sale della sede parigina della Maison, in Rue de Faubourg Saint-Honoré, all’interno dell’hotel un tempo proprietà della famiglia Goldschmidt-Rothschild, è una collezioni di pezzi delicati e decisi al tempo stesso, tra sovrapposizioni, ricami, trasparenze, dettagli preziosi ma anche di inaspettata voluttà.

Nella palette prevalgono i colori chiari nella prima parte della sfilata, con i freschi bianco, celeste e oro. Lo stesso oro poi si sposa al nero in abiti che danno vita a onde notturne che portano a riva brillanti conchiglie e stelle marine.

Le lavorazioni in grado di simulare onde, increspature, vegetazione sono senz’altro l’aspetto più stupefacente della collezione: come in onde immaginarie, il raso lucido crea il movimento in base alle ruches verticali cui dà vita; le frange di seta lambiscono applicazioni ricamate, gioielli a forma di conchiglia e altri tesori del mare; a fine sfilata gli abiti di organza neri e i mantelli dalla texture tridimensionale evocano il contrasto tra gli elementi liquidi della natura e quelli solidi. L’eleganza originale e per tutti di Alberta Ferretti è promossa a pieni voti: si aprano le danze.